Ex Buttafuori

buttafuori-vigilanza-privataSei un addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi (ex “buttafuori”)? Fai sentire la tua voce obliqua!

Invia a redazione@vigilanzaprivataonline.com suggerimenti, esperienze, best practise, richieste di chiarimenti.

ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è solo una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com garantisce sempre l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

AISS, UGL Terziario, UGL Sicurezza Civile e Federterziario hanno rinnovato CCNL Agenzie di Sicurezza sussidiaria e degli Istituti Investigativi e di Sicurezza  (controllo attività spettacolo, intrattenimento, commerciali, fieristiche, servizi di accoglienza, guardiania e monitoraggio aree): il nuovo contratto decorre dal 1° giugno 2017 e durerà fino al 31 maggio 2020. Le Parti hanno definito una modalità di rivalutazione dei minimi retributivi contrattuali in base all’andamento effettivo dell’inflazione, misurata secondo l’indice IPCA (comunicato dall’Istat nel mese di maggio di ogni anno) e la previsione, al contempo, di anticipi retributivi definiti convenzionalmente ex ante. Gli aumenti reali dei salari sono quindi demandati al livello aziendale, dove è possibile realizzare lo scambio vero tra maggiore produttività e migliori condizioni retributive.
Continua a leggere

Il 16 giugno alle 11.30, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, sarà presentato il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti delle Agenzie di sicurezza sussidiaria e degli Istituti investigativi e di sicurezza (controllo attività spettacolo, intrattenimento, commerciali, fieristiche, servizi di accoglienza, guardiania e monitoraggio aree) siglato da AISS assieme a UGL Terziario, UGL Sicurezza Civile e Federterziario. Continua a leggere

Il DM 6 ottobre 2009, che regolamenta la materia del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi (più banalmente noti come “buttafuori“), ha vissuto diverse modifiche in successione: è stato novellato prima il 30 giugno 2011, poi il 15 giugno 2012 e infine il 24 novembre 2016, con un Decreto Ministeriale entrato in vigore lo scorso 29 Dicembre. La legge, come novellata, è dunque oggi in piena vigenza. Tra le novità principali: la possibilità di lavorare dopo 30 giorni dalla presentazione della domanda di iscrizione alle liste prefettizie e di continuare a lavorare anche se in attesa di rinnovo del tesserino (le lungaggini burocratiche spesso bloccano l’iter e la stessa possibilità di impiego) e la necessità di esibire un regolare contratto con il datore di lavoro (elemento di particolare rilevanza in un settore funestato dal sommerso).

Continua a leggere

Soddisfazione da parte di AISS, Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria, per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale di alcune delle richieste presentate dall’associazione al ministero dell’Interno. La prima richiesta accolta consentirà finalmentte agli addetti alla sicurezza di cominciare a lavorare dopo 30 giorni dalla presentazione della domanda di iscrizione alle liste prefettizie. Sono state poi normalizzate le richieste relative all’integrità morale dei richiedenti, stabilendo che gli operatori debbano disporre di un contratto regolare con il datore di lavoro. E’ stata anche modificata la norma sui rinnovi dei cartellini: da oggi si potrà continuare a lavorare nell’attesa del rinnovo. Introdotta, inoltre, la possibilità di formare squadre con personale non decretato con modalità contemplate nei protocolli d’intesa territoriali.

Continua a leggere

discoteca-discoFIRENZE – Tre anni di stretta collaborazione tra gestori dei locali da ballo, forze dell’ordine e servizi di sicurezza privata. Questo il contenuto del Protocollo per la sicurezza nelle discoteche ed in prossimità delle stesse, finalizzato a contrastare violenza, uso e commercio di sostanze stupefacenti, abuso di alcool, e volto ad orientare i giovani verso forme di intrattenimento sane. L’intesa, sottoscritta lo scorso 15 novembre dal Prefetto di Firenze Alessio Giuffrida e dai rappresentanti locali delle Associazioni di categoria dei gestori dei locali notturni e dei servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo (ex-buttafuori), dà vita ad un’avanzata sinergia tra le Forze dell’ordine e gli operatori del settore. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video