In un'Italia meno sicura, la vigilanza privata è a rischio default

ROMA - Cresce l'insicurezza nel paese, reale e percepita. Per il Censis gli ...

Read More

ANGGI: le guardie giurate sono agenti di polizia giudiziaria

Le guardie giurate aderenti ad ANGGI, Associazione Nazionale Guardie Giurate Italiane, non soddisfatte ...

Read More

L'orario di lavoro nella Vigilanza Privata lo decide il CCNL

Torniamo sull'orario di lavoro. Ricordate che per i servizi della vigilanza privata è ammessa ...

Read More

ASSIV: vigilanza privata e trasporto valori devono poter accedere alle aree ZTL

Immaginate un furgone portavalori zeppo di soldi costretto a fare una deviazione - ...

Read More

Cauzione Vigilanza Privata: nuove regole e no ai Confidi nell'elenco generale

ROMA - Due novità in tema di cauzione: un aspetto diffusamente contestato, a ...

Read More

trenord_logoFinalmente guardie giurate armate, e non più portieri senza arte nè parte, salgono a bordo delle linee Trenord. Come dice peraltro da sempre la legge. Peccato però che delle 125 superskillate guardie di cui avrebbe bisogno Trenord, solo 30 siano attualmente in forze sulle linee ferroviarie. Il motivo? I candidati non superano l’esame di abilitazione ad operare a bordo treno armati – un esame in questura, con commissione giudicante di nomina prefettizia. Continua a leggere

Il Comune non sa come pagare gli straordinari ai vigili, quindi privatizza la Polizia locale. E’ la scelta di Boffalora sopra Ticino: alcuni servizi dei vigili, a richiesta diventeranno a pagamento. Tali servizi – recita il regolamento – verranno autorizzati sentito il parere del comandante e qualora non venga pregiudicata la funzionalità e l’efficienza del servizio reso nel comune. Ma di quali servizi si parla? Ancora è un mistero.  Continua a leggere

Anche in risposta alle frequenti lettere al Direttore sulla materia, segnaliamo l’interessante articolo di Leandro Abeille e Cesira Cruciani pubblicato sul sito Altalex il 4 agosto 2017  e dedicato alle guardie particolari giurate e ai poteri a loro conferiti in quanto incaricati di Pubblico Servizio. La risposta sintetica è: pochissimi.

Continua a leggere

Circolari del Ministero dell’Interno che usano il termine stewarding con riferimento al personale che gestisce la sicurezza negli eventi musicali, sportivi, culturali: ma gli Steward non dovevano stare negli stadi? Parliamo delle Circolari del 23 maggio, 7 e 19 giugno che – nell’individuare misure atte a far fronte all’aumento delle manifestazioni pubbliche tipiche della stagione estiva come pure a situazioni critiche (vedi Torino) – ipotizzano il ricorso a “stewarding” o non meglio precisati “operatori appositamente formati con compiti di accoglienza, instradamento, regolamentazione dei flussi anche in caso di evacuazione, osservazione ed assistenza al pubblico”. Espressioni ambigue, che possono generare anomalie ed irregolarità su servizi che il DM 6 ottobre 2009 attribuisce chiaramente agli addetti ai servizi di controllo.
Continua a leggere

Il 31 luglio 2017 è stato firmato, presso la Prefettura di Roma, il protocollo territoriale “Sicurezza nelle discoteche”, che attua l’accordo quadro nazionale tra il Ministero dell’Interno e le Associazioni di categoria dei settori security ed entertainment, finalizzato ad elevare le garanzie di sicurezza all’interno e in prossimità delle discoteche. Tra le novità: divieto d’accesso per quanti abbiano assunto nello stesso locale comportamenti pericolosi per la sicurezza e l’ordine pubblico; previsione di un numero minimo di addetti ai servizi di controllo nei locali; installazione di apparati di videosorveglianza; previsione di corsi di formazione volti a prevenire l’abuso di alcool non solo per gli addetti ai servizi di controllo, ma anche per quanti somministrano bevande alcoliche.
Continua a leggere

Archivi

Network

Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail

I Video

Video
Video