Se volevate novità sul rinnovo del contratto collettivo della vigilanza privata non ne troverete nemmeno stavolta. Il 2 Ottobre scorso c’è stato l’ennesimo incontro tra le Parti Sociali e si è parlato (indovinate un po’?) della sfera di applicazione, visto che il nuovo CCNL dovrebbe disciplinare non solo le guardie giurate ma anche gli ex buttafuori, gli steward e i portierati (…l’avevamo già detto? Ah sì).

Si è parlato poi di come materialmente classificare nel contratto queste diverse figure, ipotizzando un’unica classificazione, da declinare poi in base alle diverse mansioni (anche se le complessità non saranno poche, visti i diversi regimi normativi e autorizzatori tra le figure operative che si vogliono convogliare nel CCNL). Si è poi parlato di contrattazione di secondo livello (che dovrà recepire i diversi accordi interconfederali e soprattutto adeguarsi ai tempi – e sarà già un miracolo armonizzarli).
New entry un po’ più appetitosa per i lavoratori doveva essere il cambio d’appalto, ma la discussione è stata rinviata alla riunione del 25 Ottobre.
Insomma: nulla di fatto per i tanti lettori che mi chiedono sempre più insistentemente notizie in materia di rinnovo del CCNL.
E’ pur vero che i temi sul piatto sono notevolmente complessi da analizzare e dipanare, ma forse un po’ più di velocità sarebbe gradita.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video