Rinnovo CCNL

L’ultimo CCNL è scaduto da due anni. Storia di una trattativa che sembra non finire mai.
Qualcosa non ti va giù? Scrivi alla redazione: vogliamo sentire la tua voce obliqua.
ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com si impegna sempre a garantire l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

riunioneintJobs Act, riforme autunnali del lavoro, legge di stabilità 2015 (con annessa abolizione dei contratti a progetto) e – last but not least – il decreto Milleproroghe: il governo ha ormai posato le sue prime pietre riformiste, giuste o sbagliate che siano, tracciando una linea piuttosto chiara di quello che intende ottenere in futuro. Benchè manchino i Decreti Attuativi, le norme di indirizzo già rilasciate forniscono infatti alcune direttrici sulle quali si può già lavorare. Questo processo toccherà per forza l’attuale contrattualistica del lavoro e l’universo della sicurezza privata, peraltro in fase di scadenze naturali, esigerà anch’esso una profonda rivisitazione. I tempi sono dunque maturi per riaprire il tavolo del Patto Italiano per la Sicurezza Non Armata, che sta studiando da tempo le possibili convergenze tra i diversi CCNL del settore disarmato in essere. La prima calendarizzazione dei lavori è già fissata al 18 marzo 2015.
Continua a leggere

jobs-actSemaforo verde a vari provvedimenti che influiranno in maniera incisiva sul comparto vigilanza privata, tenendo anche conto che siamo in tempi di rinnovo contrattuale. Secondo due decreti attuativi del Jobs Act, da marzo 2015 le aziende potranno infatti assumere con un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, che prevede garanzie per il lavoratore a seconda della durata della prestazione lavorativa. Battesimo anche per il NASpI, ammortizzatore sociale che assegna a tutti i disoccupati involontari un’indennità del 75% della retribuzione media degli ultimi 4 anni, seppur con vari limiti. Vediamo le novità. Continua a leggere

Luigi Gabriele_ Tor VergataSi apre un nuovo anno all’insegna delle novità per la vigilanza privata e per i servizi integrati e fiduciari. Certificazione, EXPO 2015, nuove aree di business, un CCNL da rinnovare e un vademecum sugli appalti che dovrebbe portare ordine e rinnovata fiducia. Ne parliamo con Luigi Gabriele, Presidente di FEDERSICUREZZA Continua a leggere

La fine dell’anno ha portato importanti novità contrattuali in casa Federpol: dal rinnovo del CCNL con sottili ma rilevanti modifiche, alla costituzione dell’Ente Bilaterale Nazionale Investigazioni e Sicurezza Privata (E.BI.N.I.S.P). Soddisfazione per la controparte sindacale FESICA CONFSAL e CONFSAL FISALS e per le rappresentanze Federpol, che auspicano una vasta applicazione contrattuale quale strumento concreto per un ulteriore sviluppo e riconoscimento della figura professionale dell’investigatore privato anche nel panorama istituzionale. Continua a leggere

La Corte di Cassazione ha pronunciato due sentenze (n. 14356/2014 e n. 14595/2014) sull’indennità di vacanza contrattuale come definita nell’Accordo di rinnovo del CCNL per laVigilanza Privata e iServizi Fiduciari. Com’è noto, in sede di rinnovo le parti sociali hanno previsto l’erogazione di un una tantum di € 450,00 e di specifici incrementi della retribuzione mensile, a copertura del periodo di vacanza contrattuale (1 gennaio 2009 – 31 gennaio 2013), precisando che tali emolumenti avrebbero assorbito, sino a concorrenza, “somme eventualmente già erogate, a qualsiasi titolo, in relazione al periodo di vacanza contrattuale e al presente rinnovo”. Il Tribunale di Torino, adìto a febbraio 2013, ha ritenuto che l’indennità di vacanza contrattuale si dovesse invece maturare “mese per mese” e andasse considerata come un diritto quesito, ossia immutabile e intangibile. La Cassazione, invece, ritiene che l’IVC non sia un diritto quesito, e che quindi le disposizioni pattuite in sede di rinnovo siano pienamente idonee a coprire l’intero periodo di vacanza contrattuale.
Continua a leggere