centrali operative

AccrediaIl 2 settembre 2017 è scaduto il termine, per gli Istituti di Vigilanza Privata operativi in ambito territoriale 4 e 5 del DM. 269/2010, per adeguare le proprie centrali operative ai requisiti indicati dalla norma EN 50518. Considerato che assai pochi sono in regola, il Ministero dell’Interno, interpellato sul punto da Accredia (che vigila sull’operato degli Organismi di Certificazione), ha dichiarato che la “proroga di fatto” sino al 2 gennaio 2018 vale non solo per gli Istituti di Vigilanza che non abbiano ancora ottenuto la certificazione UNI 10891- DM 269/2010, ma anche per l’adeguamento delle centrali operative già certificate UNI 11068 –DM 269:2010. Continua a leggere

centrale-operativa-respinta-vigilanza-privata

Torniamo a parlare di verifiche alla centrale operativa, alla luce della circolare del ministero dello Sviluppo Economico di cui già abbiamo scritto (clicca qui per leggere l’articolo), circolare che si rifà al DM capacità tecnica. Ma se finora ci siamo concentrati sul costo delle verifiche (ennesimo balzello a carico degli istituti, che per giunta pone di fatto i controllori al soldo dei controllandi), affrontiamo ora l’aspetto della circolare che più dovrebbe inquietare, ossia il fatto che nei prossimi mesi tutti gli istituti di vigilanza privata saranno ispezionati. Le ispezioni verteranno sulla rispondenza delle centrali operative ai requisiti dell’allegato E del DM 260/2010, con particolare riguardo alle infrastrutture di telecomunicazione. Continua a leggere

lista-spesa-vigilanza-privata-online

ROMA – Altra spesuccia in arrivo per gli Istituti di Vigilanza Privata! Già da novembre 2011, il ministero dello Sviluppo Economico ha infatti diramato ai propri Ispettorati Territoriali una circolare che dà indicazioni su come effettuare le verifiche di conformità e di funzionalità degli apparati di comunicazione degli Istituti di vigilanza privata, ai sensi del DM capacità tecnica. L’allegato E del DM 269/2010 demanda infatti a tali Ispettorati gli accertamenti dei requisiti minimi delle infrastrutture per le telecomunicazioni radio e telefoniche degli IVP, per garantire un trattamento uniforme sull’intero territorio nazionale. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video