coess

L’industria della sicurezza privata ha dovuto fronteggiare una crescente richiesta di servizi di sicurezza nei campi profughi (spesso malamente messi in opera) di alcuni paesi unionisti. Le condizioni per la fornitura di tali servizi dovrebbero però essere dettagliatamente indicate dalle autorità competenti affinché vengano garantiti qualità dei servizi e tutela dei lavoratori. Questo il pensiero congiunto di CoESS e UNI Europa, che in parte riprende e fa sue le linee guida del BDSW (Bundesverband der Sicherheitswirtschaft, Federazione tedesca delle imprese di sicurezza). Continua a leggere

Operatori di sicurezza privata a sostegno delle forze dell’ordine nella gestione dei centri di accoglienza migranti. Questo il provocatorio tema che Federsicurezza ha portato all’attenzione dell’amministrazione dell’Interno lo scorso 15 novembre e che ha coinvolto più professionalità: dalla vigilanza privata ai servizi fiduciari, dalle investigazioni private agli addetti ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo. Ciascuno per le proprie competenze.

Continua a leggere

anna-maria-domeniciSi prospetta un autunno caldissimo per la vigilanza privata italiana. Da un lato la trattativa per il rinnovo contrattuale sembra essere intenzionata a partorire un elefante (ma il timore è che partorisca il consueto topolino o forse nemmeno quello, visto l’immobilismo delle ultime trattative), dall’altro i movimenti di mercato, che vedono ormai in dirittura d’arrivo un essenziale “passaggio di consegne” che polarizzerà ulteriormente il comparto. E la prospettiva di incontrare nientemeno che il Ministro Minniti per prospettargli nuove opportunità di business e di sviluppo per il settore. Insomma: c’è parecchia carne al fuoco.
Ne abbiamo parlato con il Segretario Generale di UNIV (Unione Nazionale Istituti di Vigilanza), Annamaria Domenici.

Continua a leggere

EuropaLa sicurezza privata vola in Europa. Con il contributo della Delegazione di Confcommercio presso l’UE, una rappresentanza guidata dal presidente di Federsicurezza (Federazione del settore della vigilanza e sicurezza privata) ha incontrato attori di spicco del Parlamento e della Commissione Europea per intessere nuove relazioni internazionali in tema di sicurezza privata.  Tra le personalità incontrate: Luigi Soreca, direttore Sicurezza Interna presso la Commissione Europea; Silvio Mascagna, membro del Gabinetto del Commissario UE per la Sicurezza Julian King; Sandro Menichelli, Rappresentante Permanente d’Italia presso l’UE per la Giustizia e Affari Interni; Alessandra Mussolini, europarlamentare nella Commissione LIBE (libertà civili, giustizia e affari interni). Continua a leggere

159201518619Pungenti e ricchi gli interventi, sala piena a attenta fino all’ultima relazione per un convegno dai contenuti particolarmente attuali in una città come Roma, i cui appalti sono ormai costantemente commissariati. Questo il bilancio del Convegno organizzato il 9 settembre da Federsicurezza presso la sede nazionale di Confcommercio sul tema “Vigilanza privata, appalti e CCNL: nuove prospettive di sviluppo e di evoluzione del settore”. Un panel di tutto rispetto, con il Consigliere dell’Autorità Anticorruzione Michele Corradino e l’Assessore alla Legalità, trasparenza, contratti, appalti del Comune di Roma, Alfonso Sabella, che hanno letteralmente avvinto la platea con l’irruenza dei loro interventi. Con più ottimismo il primo, con più cinismo il secondo. Nel primo caso, legato alle speranze che l’ANAC possa realmente – quindi con gli strumenti necessari – assumere un ruolo guida di terzo imparziale del processo di aggiudicazione degli appalti; nel secondo caso legato all’amara constazione dello scarso livello di preparazione medio delle dirigenze delle PA – che, sommato all’alto tasso di corruttela, provoca situazioni di stallo spesso non meno pericolose delle assegnazioni pilotate.

Continua a leggere

Pagina 1 di 3123
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss