(ASCA) ROMA, 11 feb – Un protocollo per rendere più efficienti le politiche di sicurezza urbana, anche attraverso il coinvolgimento degli istituti di vigilanza privata. Questo il contenuto del documento “Mille occhi sulla città“, sottoscritto oggi (11 febbraio, ndR) al Viminale dal ministro dell’Interno Roberto Maroni, dall’Anci e dalle Associazioni divigilanza.

“Il protocollo sottoscritto oggi – afferma il sindaco di Ascoli Piceno e componente dell’Ufficio di presidenza dell’Anci, Guido Castelli – rappresenta un caso virtuoso di sussidiarietà: tutte le forze impegnate nella sicurezza urbana, ognuna nel rispetto delle proprie competenze, creeranno una sinergia efficace per l’ulteriore miglioramento dell’efficacia degli interventi”. In particolare, ricorda Castelli, “viene messo a sistema lo storico rapporto di collaborazione tra le amministrazioni comunali e gli istituti di vigilanza”. Con un ruolo di primo piano riservato ai Comuni: “Saranno proprio i Comuni a prendere in carico, insieme agli altri soggetti, la formazione degli operatori di vigilanza privata, sulla base dei modelli e delle buone prassi tipiche del settore pubblico”, spiega il sindaco.
La collaborazione con gli istituti di vigilanza, inoltre, avrà un punto di verifica e coordinamento costanti all’interno dei Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza. “Insomma – prosegue Castelli – siamo di fronte ad una ulteriore buona prassi sposata dall’Anci su un tema come la sicurezza, che in quanto bene comune non può non riguardare a pieno titolo le amministrazioni locali”.
Ma si tratta anche, conclude Castelli, “di un riconoscimento importante al ruolo svolto dalle polizie municipali e dai sindaci nell’ambito delle politiche di sicurezza urbana, e quindi anche di sicurezza tout court”.

 

Fonte: http://www.asca.it