Rinnovo CCNL Vigilanza Privata: parliamo di soldi?

Pubblichiamo una lettera al Direttore che, tra i vari spunti, solleva un aspetto cruciale e che non è mai realmente emerso nei mille articoli e carteggi ufficiali o ufficiosi in materia di rinnovo del CCNL Vigilanza Privata e servizi fiduciari: cosa hanno chiesto i sindacati e cosa hanno risposto le imprese? Senza questi elementi, come si può chiedere alle guardie giurate di capire che una trattativa in stallo da 5 anni continua a non avere capo nè coda?

Continua a leggere

CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari: si va avanti, ma…

Dopo una pausa di riflessione, le Associazioni di categoria comunicano che intendono proseguire le trattative per il rinnovo del CCNL vigilanza privata e servizi fiduciari,seppur in un momento di estrema difficoltà che non consente una rapida chiusura del negoziato. Ossia si va avanti ma verso “scelte concrete e soprattutto percorribili, secondo principi di realtà che non possono prescindere dalla situazione contingente”. Sibillino?

Continua a leggere

Gli operatori fiduciari non sono guardie giurate ma neanche portieri

Riceviamo e pubblichiamo un’interessante Lettera al Direttore che contesta questo nostro articolo. Siamo perfettamente d’accordo sul fatto che gli operatori fiduciari non siano la causa, bensì la più innocente vittima di questa strumentale confusione. Siamo molto spiacenti che sia passato questo messaggio o che l’articolo sia risultato offensivo per chi lavora: il nostro intento era denunciare le autorità del settore che non intervengono dinnanzi a palesi violazioni della normativa, ma anche i tribunali che decidono in modo randomico, e soprattutto le imprese che marciano sull’equivoco sulla pelle dei lavoratori. Imprese che a loro volta dicono che i clienti vogliono spendere sempre meno e che non hanno alternative. Una situazione senza apparente soluzione, dunque? A nostro avviso, basterebbe applicare le norme. Per intanto, grazie di aver fatto sentire la Sua voce obliqua.

Continua a leggere

Trasporto valori stremato: oltre al Covid, la concorrenza sleale dei corrieri

ANIVP, ASSIV, Assovalori, Federsicurezza, Legacoop e UNIV, in rappresentanza del comparto vigilanza privata e sicurezza, hanno scritto al Ministero dell’Interno e a Banca d’Italia per evidenziare le difficoltà in cui versa il settore del trasporto valori e del trattamento del denaro. La riduzione del lavoro e la demonizzazione del contante dovuti al Covid-19 hanno contratto il fatturato di oltre il 30% da marzo a settembre scorsi e si presume che il mercato non tornerà comunque ai volumi originari (stimato -20%). La situazione è aggravata dalla concorrenza sleale di operatori esteri privi di licenza CIT o esposti a normative meno stringenti, o peggio di corrieri espressi che trasportano beni di valore. Tutti  soggetti non gravati dagli oneri e dalle responsabilità che pesano invece sui professionisti del settore.

Continua a leggere

Decreto Ristori: anche gli investigatori privati chiedono aiuti

investigatori-privatiTra le attività cui sono autorizzate le agenzie di investigazione privata si annoverano anche i servizi di controllo nelle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi: un settore in estrema sofferenza per il blocco totale di fiere, eventi, discoteche ed entertainment. Si parla di oltre 8.000 addetti alla sicurezza che sono a spasso da marzo. Il Presidente di Federpol, Luciano Tommaso Ponzi, ha lanciato l’allarme al premier Conte ed al ministro dell’Interno e dell’Economia: servono aiuti per le aziende, penalizzate ad oggi da una classificazione Ateco troppo generica che rischia di escludere dai ristori un settore di per sè duramente colpito.

Continua a leggere