Primapagina

bannerMODENA – In tempi di revisione di spesa ma al contempo di altissima sensibilità al tema sicurezza, che sinergie possono mettere in campo lo stato e i privati? Quali innovazioni tecnologiche possono essere messe al servizio della security? Come reagisce l’industria del settore ad un quadro normativo in evoluzione? E soprattutto: come trasformare la sicurezza da costo a investimento? Per fare il punto sullo stato dell’arte in materia di security management e delineare squarci sull’immediato futuro, Gruppo Sirio ha dato vita per il 3 Ottobre 2014 a Modena ad un evento che, per i temi proposti e l’autorevolezza dei relatori, rappresenta una preziosa opportunità di formazione e aggiornamento professionale per security manager e operatori del settore. Il primo Sirio Security Forum, che permette anche di acquisire dei crediti formativi, si articolerà in una sessione tecnica e una sessione istituzionale separate da buffet lunch. Continua a leggere

abbasso-il-ribassoIl 28 marzo 2014 sono state pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea tre direttive che riformano il settore degli appalti e delle concessioni. Tra queste, la direttiva 2014/24/UE sugli appalti pubblici nei settori ordinari introduce disposizioni più severe sulle “offerte anormalmente basse” e la preferenza, per quanto riguarda i criteri di aggiudicazione nell’assegnazione degli appalti, dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Ebbene, a fine agosto le parti sociali – rappresentate per la parte datoriale in CoESS (Confederation of European Security Services) e per i lavoratori da UNI Europe (Federazione Europea che assomma vari Sindacati in campo di sicurezza privata) – entrambe particolarmente attive durante l’iter normativo, hanno firmato un avviso comune che verte su quattro aspetti chiave nel tema “appalti”: 1) criteri di assegnazione delle gare; 2) offerte anormalmente basse; 3) governance; 4) appalti elettronici. Un atto che ricorda molte simili operazioni portate avanti sul piano nazionale.
Continua a leggere

timbro-organismo-accreditato-certificazioneBasta lamentarsi che il DM 269/2010 non produce effetto nella vigilanza privata! Dal 4 settembre è entrato in vigore il Decreto n. 114 del 4 giugno 2014, che pone il primo tassello (ne manca un pezzo, invero) per definire il nuovo schema certificativo che chiuderà il cerchio virtuoso della qualità nella vigilanza privata. In realtà manca anche il Decreto sulla formazione delle guardie giurate per chiudere davvero il cerchio, ma non sottilizziamo. La certificazione è un passo importante perchè, per supplire all’endemica carenza di personale dell’autorità tutoria, privilegia un meccanismo di autocertificazione…trasformando un regime di qualità finora volontario in cogente. Insomma, la certificazione non è più un percorso spontaneo, ma diventa obbligatorio se si vuole entrare – o se si intende restare – sul mercato. Continua a leggere

consap--federpolHanno aderito tutti: dal Vice Ministro dell’Interno Filippo Bubbico al Vice Capo della Polizia Vicario Alessandro Marangoni, dal Direttore Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale Castrese De Rosa al Vice Presidente del Senato Maurizio Gasparri. E ancora, politici, istituzioni e tecnici: chi a vario titolo si occupa di sicurezza pubblica ma anche privata si dà convegno a Roma il 25 settembre mattina per parlare di sicurezza integrata quale possibile soluzione alla spending review che sta falcidiando il comparto. Il convegno, di scena all’Hotel Quirinale, rappresenta il primo atto di un coinvolgimento sempre più profondo degli operatori di security privata nelle politiche di sicurezza integrata, ed è frutto di un intenso dialogo tra i vertici politici di due rilevanti organismi di rappresentanza come Consap e Federpol. Rispettivamente: Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia da un lato e Federazione Italiana degli Istituti Privati per le Investigazioni, le Informazioni e la Sicurezza dall’altro.

Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video