Riforma Tulps

Da un regio decreto del 1931 ai giorni d’oggi. Storia di una riforma che dura da oltre 70 anni.
Sottoponi alla redazione le tue proposte editoriali: vogliamo sentire la tua voce obliqua.
ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com si impegna sempre a garantire l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

Molto interessante l’articolo 1 del DDL a firma Lollobrigida, Deidda e Ferro intitolato “Disposizioni in materia di impiego delle guardie giurate all’estero”, presentato alla Camera ad Ottobre 2018 ed ora assegnato alla commissione Affari costituzionali: “I servizi di vigilanza privata (omissis) possono essere svolti con l’impiego di guardie giurate destinate alla protezione delle merci e dei valori delle imprese pubbliche e private operanti in territorio estero ogni qualvolta ne sia ravvisata la necessità in relazione ai livelli di rischio dell’area in cui tali imprese operano”.

Continua a leggere

Grande partecipazione alla presentazione del Report Federsicurezza il 9 Aprile scorso a Napoli. L’analisi, realizzata da Format Research, tratteggia uno scenario in chiaroscuro dove poche aziende dimensionate detengono gran parte delle quote di mercato della sicurezza privata, ma faticano a marginalizzare per gli elevati costi di esercizio, dominati da un costo uomo per sua natura incomprimibile. Diversa la situazione nel Sud, dove il mercato è governato da molte piccole realtà, che marginalizzano però con ancor più difficoltà rispetto alle colleghe del Nord e del Centro. Continua a leggere

logo-garante-privacyUn Istituto di Vigilanza Privata  che gestisce un impianto di videosorveglianza di un cliente è titolare o responsabile del trattamento? Negli ultimi anni sono stati sottoposti al Garante diversi casi in merito alla corretta configurabilità delle figure privacy (titolare e responsabile). Di seguito il contributo dell’Avv. Marco Soffientini (Docente UnitelmaSapienza; esperto di Privacy e Diritto delle Nuove Tecnologie; Privacy Officer certified in accordo a ISO/IEC 17024:2003; Coord. Naz. Comitato Scientifico Federprivacy; membro dell’Istituto Italiano per la Privacy; membro Comitato di Delibera TUV Italia per lo schema CDP) e della Dr.ssa Silvia Mencaroni (collaboratrice dello Studio Legale Rosadi-Soffientini Associati) Continua a leggere

Altissimo l’interesse per l’edizione 2019 del Rapporto FederSicurezza, che tratteggia l’andamento del mercato della sicurezza privata in Italia. Alla presentazione in anteprima, di scena il 9 Aprile 2019 a Napoli, hanno infatti confermato personalità del calibro di Nicola Molteni, Sottosegretario al Ministero dell’Interno; Antonio De Iesu, Questore di Napoli; Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regione Campania (Verdi); Vincenzo Viglione, Consigliere Regione Campania e Segretario Comissione Anticamorra (M5S); Gianluca Cantalamessa, Capogruppo Lega Commissione Antimafia e Segretario Regionale Campania e Umberto De Gregorio, Presidente CdA Ente Autonomo Volturno. Continua a leggere

Su 580 società autorizzate ad operare nella vigilanza privata, 120 non si sono ancora adeguate agli obblighi di certificazione. La rilevazione è freschissima e vede ancora un buon 20% di imprese del settore operare impunemente, pur senza soddisfare i requisiti minimi di qualità richiesti dalla norma. Ma la pacchia è finita, come è in voga dire: la circolare a firma del Capo della Polizia Gabrielli dà alle Prefetture il termine ultimo del 30 Aprile per fare il punto della situazione e presentare un cronoprogramma di iniziative che evidenzi il periodo entro il quale il processo di adeguamento totale si concluderà. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video