Riforma Tulps

Da un regio decreto del 1931 ai giorni d’oggi. Storia di una riforma che dura da oltre 70 anni.
Sottoponi alla redazione le tue proposte editoriali: vogliamo sentire la tua voce obliqua.
ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com si impegna sempre a garantire l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

Vi ricordate la discussa circolare dello scorso Marzo, che ha imposto che il rilascio dei decreti di nomina e dei porti d’arma delle guardie giurate possa avvenire solo nella prefettura di residenza dell’interessato, mettiamo Canicattì, anche se quest’ultimo lavora, che so, a Bolzano? Bene, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha emanato una nuova Circolare che specifica dove si debba prestare giuramento: la guardia può giurare sia presso la Prefettura della provincia in cui si presta servizio, sia contestualmente al ritiro del decreto, e quindi presso la Prefettura della provincia di residenza. Continua a leggere

Le principali associazioni della sicurezza privata sono state ricevute dal sottosegretario all’Interno Nicola Molteni. Pretesto dell’incontro era la Circolare ministeriale del 18 luglio scorso, che ha modificato la Circolare Gabrielli destando qualche perplessità, ma  l’obiettivo del lungo periodo è di avviare un tavolo tecnico permanente, che riapra la tradizione dialogata del passato tra mercato e istituzioni. Ampissima la disponibilità all’ascolto da parte del Sottosegretario, che ha chiarito alcuni punti critici e sottolineato l’importanza della sicurezza privata nel piano politico del Governo. Continua a leggere

Torniamo sulla Circolare 11001/1/110 (10) Ministero dell’Interno, di cui abbiamo già parlato, pubblicando i malumori che essa ha generato nel comparto. La recente direttiva del Gabinetto del Ministero dell’Interno sulle misure di safety da adottare negli eventi di pubblico spettacolo escluderebbe infatti le agenzie con licenza ex art. 134 TULPS, a favore di associazioni di volontariato sicuramente animate da ottime intenzioni, ma prive di competenza e formazione in materia di sicurezza. Continua a leggere

Qualche volta le proteste funzionano. E’ il caso del sit-in dello scorso 27 luglio davanti alla Prefettura capitolina. Sono state le guardie giurate romane a protestare, messe in ginocchio dalla prassi della Questura di Roma di accettare solo certificati medici per il rinnovo del porto d’armi rilasciati da medici militari o della Polizia di Stato in servizio presso le strutture militari di competenza o dalle Asl. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss