Antipirateria: FederSicurezza al Comando Generale delle Capitanerie di Porto

Il consigliere Federsicurezza con delega all’antipirateria Giuseppe Vittoria, assieme al consigliere con delega alle relazioni internazionali Luca Famiani, hanno incontrato, presso il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, l’Ammiraglio Luigi Giardino – Capo VI Reparto – Sicurezza della Navigazione, per affrontare le questioni emerse a seguito della modifica operata dal DM 139/2019. Tale decreto, per il commento del quale rimandiamo a questo link, ha sostituito il decreto 266/2012 in materia di servizi antipirateria a bordo delle navi mercantili battenti bandiera italiana….generando anche qualche grattacapo.

Continua a leggere

Antipirateria marittima: risolvere presto la questione formazione

Antipirateria marittima, corsi di formazione del personale ed esami: un tema caldissimo che aveva mosso molte critiche al DM 139/2019, tanto che si è da più parti invocata una proroga del regime in deroga. Il 16 gennaio il Ministero dell’Interno ha però invitato gli stakeholder del comparto, accogliendo alcune segnalazioni, che – si spera – possano permettere, allo scadere del 1 luglio 2020, di somministrare i servizi senza problemi.

Continua a leggere

Nuove norme antipirateria: giudizio NI

Il 7 novembre 2019 è stato emanato il DM n. 139, che sostituisce il decreto 266/2012 in materia di servizi antipirateria a bordo delle navi mercantili battenti bandiera italiana. La nuova disciplina reca alcuni elementi migliorativi e tesi a semplificare la gestione, ma contiene anche delle insidie e non risolve le questioni più ostiche (che la la circolare esplicativa dello scorso 9 Dicembre non dirime).

Continua a leggere

Guardie giurate all’estero: una proposta che apre un business goloso

Audizione Assiv in Commissione Affari Costituzionali della Camera sul PDL Lollobrigida, che prevede l’impiego guardie particolari giurate all’estero. Un tema caldo, perché aprirebbe nuove e rilevanti aree di business ad oggi precluse dalla normativa italiana. Basti pensare che per la protezione non solo delle imprese italiane all’estero, ma addirittura dei compound militari all’estero, le imprese italiane devono di necessità rivolgersi a security contractor stranieri.

Continua a leggere