Portierati nei musei: la vigilanza privata insorge

E’ fresco di emanazione il bando (europeo!) diramato dalla Galleria degli Uffizi per affidare i servizi di controllo degli accessi all’area museale, anche tramite l’uso di macchine radiogene e di rilevatori di metalli. Un caso di  scuola del DM “capacità tecnica”, che annovera i musei tra gli obiettivi sensibili ed esplicita che per tali siti e per attività di vigilanza attiva sia necessario l’impiego di guardie giurate e non portierati. Peccato che agli Uffizi non lo sappiano o facciano finta di non saperlo. Fatto sta che le Associazioni di Vigilanza Privata UNIV, ANIVP e LEGACOOP Produzione e Servizi hanno chiesto che la gara venga annullata ed emendata secondo la legge vigente.

Continua a leggere

Emendamenti al DM 269/2010: è legge

Sono diventati legge gli emendamenti al DM 269/2010, resesi necessari a seguito della procedura d’informazione incardinata dalla Commissione Europea, che accusava la norma italiana di restrizioni al diritto di stabilimento e alla libera prestazione dei servizi per le attività di vigilanza privata e di investigazione privata nell’Unione Europea. Lo scorso 11 maggio è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, n. 107, il Decreto del Ministero dell’Interno n. 56/2015, a modifica del D.M. n. 269/2010, che introduce rilevanti innovazioni rispetto ai criteri di riferimento nel rilascio delle licenze, nonché modifiche nell’operatività delle imprese del settore.

Continua a leggere

Ultimi posti per il Corso Universitario Executive “Security Management” (Milano Bicocca)

Ultimi posti disponibili per il Corso Universitario Executive “Security Management”, promosso dall’Università degli Studi di Milano Bicocca di concerto con il Centro Studi ItaSForum. Le lezioni, che si terranno presso Villa di Breme Gualdoni Forno a Cinisello Balsamo, prevedono una rilettura intensiva della Security per professionisti della specifica funzione e il conseguimento della certificazione dei ruoli apicali degli Istituti di Vigilanza Privata, ai sensi del DM 269/2010 e della norma UNI 10459:1995.

Continua a leggere

Vigilanza Privata e Decreto certificazioni: al via un monitoraggio del settore

Come già annunciato, il Decreto sulle certificazioni, previsto dall’art. 260-ter del TULPS, è stato firmato dal ministro Alfano lo scorso 4 giugno e si appresta ad essere rapidamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Il Decreto stabilisce le caratteristiche degli organismi di certificazione indipendente della qualità e della conformità degli Istituti di Vigilanza Privata, mirando a garantire la funzionalità ed il controllo degli istituti sulla base di sistemi di “autocontrollo e autoqualificazione”, in un contesto in cui il mercato dovrebbe essersi ormai adeguato ai parametri di qualità definiti dal DM 269/2010. Un mercato che dovrebbe essersi quindi già “autoselezionato”, dal momento che il termine ultimo per adeguarsi al DM “capacità tecnica” è scaduto a settembre 2012. Peccato che le associazioni di categoria e le rappresentanze sindacali continuino a segnalare gravissime irregolarità, che non di rado sono assurte agli onori della cronaca. Ecco perchè il 15 luglio il ministero ha diramato la circolare “Situazione degli Istituti di Vigilanza. Controllo straordinario e monitoraggio” che invita le Prefetture a disporre un’attività di controllo straordinaria.

Continua a leggere

Emendamenti al DM 269/2010 alla firma del ministro Alfano

Torniamo ancora una volta sulle modifiche richieste dall’Europa al DM “capacità tecnica” a seguito della procedura d’informazione dellaCommissione Europea (Eu Pilot 3693/12/MARK – 3694/12/MARK) relativa alla possibile esistenza in Italia di restrizioni al diritto di stabilimento e alla libera prestazione dei servizi per le attività di vigilanza privata e di investigazione privata. Tale procedura si è rivelata, tutto sommato, una buona occasione per ripensare il DM 269/2010 anche in aspetti ulteriori rispetto a quelli specificatamente contestati dall’EU. Oltre a cauzione e capitale sociale, il Ministero dell’Interno ha infatti predisposto emendamenti che riguardano anche localizzazione satellitare, centrali operative, trasporto valori, investigazioni e informazioni commerciali.

Continua a leggere