censis

Dopo il commento politico sulla presentazione del Primo Rapporto Censis-FederSicurezza sulla Filiera della Sicurezza in Italia, passiamo ai dati di settore che sono stati rilasciati a Roma lo scorso 27 Giugno. Si tratta di un prospetto di particolare utilità in un segmento che – seppur strettamente normato, censito e controllato dall’autorità tutoria centrale e periferica – tuttora non dispone di numeri affidabili sul proprio mercato. Questo per una molteplicità di motivi: dall’intrico di mansioni (che spesso sforano nel multiservizi e in altre aree dei codici Ateco) alla complessità della macchina amministrativa, i cui numeri periferici non collimano quasi mai con quelli dell’Amministrazione centrale. Misteri della matematica. Continua a leggere

Maggiore attenzione, un corretto inquadramento e soprattutto il riconoscimento – in prima battuta istituzionale e mediatico, e quindi, a cascata, anche economico – della professionalità acquisita dagli operatori della sicurezza privata e data ormai spesso per assunta da una committenza (anche pubblica) che tuttavia si mostra ossessivamente sorda ai costi, anche minimi, della qualità.
Queste le istanze elevate da Federsicurezza all’attuale Governo, rappresentato il 27 Giugno presso la Biblioteca del Senato dal Sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, nel contesto della presentazione del Primo rapporto Censis sulla filiera della sicurezza privata italiana. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss