federsicurezza

Le principali associazioni della sicurezza privata sono state ricevute dal sottosegretario all’Interno Nicola Molteni. Pretesto dell’incontro era la Circolare ministeriale del 18 luglio scorso, che ha modificato la Circolare Gabrielli destando qualche perplessità, ma  l’obiettivo del lungo periodo è di avviare un tavolo tecnico permanente, che riapra la tradizione dialogata del passato tra mercato e istituzioni. Ampissima la disponibilità all’ascolto da parte del Sottosegretario, che ha chiarito alcuni punti critici e sottolineato l’importanza della sicurezza privata nel piano politico del Governo. Continua a leggere

Torniamo sulla Circolare 11001/1/110 (10) Ministero dell’Interno, di cui abbiamo già parlato, pubblicando i malumori che essa ha generato nel comparto. La recente direttiva del Gabinetto del Ministero dell’Interno sulle misure di safety da adottare negli eventi di pubblico spettacolo escluderebbe infatti le agenzie con licenza ex art. 134 TULPS, a favore di associazioni di volontariato sicuramente animate da ottime intenzioni, ma prive di competenza e formazione in materia di sicurezza. Continua a leggere

Che gli Italiani amino affidarsi alla dea bendata è un fatto; che però ci si affidi all’estrazione del lotto per scremare i candidati alla gara Consip per l’assegnazione dei servizi di vigilanza privata nei Tribunali (oltre 250 milioni di euro su scala nazionale, da ripartire in 27 lotti su base regionale), beh…questo pare degno di una commedia di De Filippo. E invece, il regolamento recita: “nella prima estrazione del lotto successiva alla scadenza della ricezione delle manifestazioni di interesse si vaglierà il primo numero estratto sulla ruota di Bari”. Dopodiché si seguirà l’ordine di estrazione dei numeri sulla singola ruota e seguendo l’ordine alfabetico sulle ruote di Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano… Continua a leggere

Qualche volta le proteste funzionano. E’ il caso del sit-in dello scorso 27 luglio davanti alla Prefettura capitolina. Sono state le guardie giurate romane a protestare, messe in ginocchio dalla prassi della Questura di Roma di accettare solo certificati medici per il rinnovo del porto d’armi rilasciati da medici militari o della Polizia di Stato in servizio presso le strutture militari di competenza o dalle Asl. Continua a leggere

Il Consiglio di Stato ha chiesto di modificare l’attuale DM 28 dicembre 2012, n. 266 “Regolamento recante l’impiego di guardie giurate a bordo delle navi mercantili battenti bandiera italiana, che transitano in acque internazionali a rischio pirateria”. Al tavolo tecnico presso il Ministero dell’Interno del 15 giugno scorso, al quale erano presenti le Associazioni di categoria, tra le quali una delegazione Univ FederSicurezza, il Viceprefetto Giovanni Migliorelli ha illustrato le principali novità, che si riassumono in 12 articoli. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss