guardie giurate

Esito non positivo per l’incontro dei rappresentanti del Gruppo A.N.G.G.I. – Associazione Nazionale Guardie Giurate Italiane – con il Governo. Richiamandosi alle normative di paesi vicini, sia culturalmente che per impianto giuridico, la delegazione A.N.G.G.I. ha rivendicato, in particolare, il riconoscimento alle guardie giurate della qualifica di pubblico ufficiale e di agente di pubblica sicurezza. Il recente sciopero, si legge in una nota, ha testimoniato infatti l’esasperazione di lavoratori che rischiano la vita in siti sensibili e per servizi di utilità pubblica, come il trasporto valori. Le circa 45000 guardie giurate italiane sono dunque risorse strategiche, soprattutto a fronte di un deficit di circa 9000 unità di polizia. Tuttavia l’impressione dei delegati sull’incontro non è stata positiva, tanto da aver portato nei giorni successivi alle dimissioni di Presidente, Segretario e Tesoriere dell’A.N.G.G.I. Continua a leggere

La recente circolare sul database delle GPG, ed in particolare sulla rivisitazione dei procedimenti di rilascio delle autorizzazioni delle guardie giurate in caso di cambio di datore di lavoro, ha scatenato il nostro Bastian Contrario. Attento osservatore del settore ed esperto di burocrazia, mercato e dinamiche giuslavoristiche del settore vigilanza privata, l’autore evidenzia alcune incongruenze della nuova direttiva rispetto alle precedenti linee operative del Ministero…suggerendo un rapido correttivo. Continua a leggere

E’ dalla pubblicazione del Regolamento di Esecuzione del Tulps che lo aspettiamo e finalmente è arrivato. Parliamo del Database Nazionale degli Operatori della Sicurezza Privata, che da Febbraio 2019 dovrebbe essere operativo presso tutte le Prefetture e le Questure per permettere una gestione informatizzata dei titoli di abilitazione e dei dati relativi alle guardie giurate. Evoluzione interconnessa del registro delle guardie giurate, questo nuovo strumento informatico dovrebbe raccogliere la storia lavorativa di ciascun operatore (istituti dove ha lavorato, formazione ricevuta, eventuali qualifiche per servizi di sicurezza sussidiaria, variazioni del rapporto di lavoro e relative motivazioni etc).
Continua a leggere

L’A.N.G.G.I., Associazione Nazionale Guardie Giurate Italiane, fa il suo ingresso a Montecitorio. Mercoledì 10 ottobre l’On. Barbara Saltamartini, l’On. Francesco Zicchieri e il Sen. Claudio Petruccioli ascolteranno le principali problematiche del settore sottoposte dagli Associati alla Presidenza A.N.G.G.I. e potranno valutare, nello specifico, il progetto “Ordine delle Guardie Giurate Italiane”, ideato e redatto dal Segretario A.N.G.G.I. Alessio Tavoni, supportato nella stesura dal Presidente Fabio Padovani.  Continua a leggere

Vi ricordate la discussa circolare dello scorso Marzo, che ha imposto che il rilascio dei decreti di nomina e dei porti d’arma delle guardie giurate possa avvenire solo nella prefettura di residenza dell’interessato, mettiamo Canicattì, anche se quest’ultimo lavora, che so, a Bolzano? Bene, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha emanato una nuova Circolare che specifica dove si debba prestare giuramento: la guardia può giurare sia presso la Prefettura della provincia in cui si presta servizio, sia contestualmente al ritiro del decreto, e quindi presso la Prefettura della provincia di residenza. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss