investigazioni

Stimata redazione,
nell’anno 2012 è stato dato il via al pacchetto “legge di stabilità” ove è prevista prevista la possibilità di creare “società tra professionisti“. Mi chiedevo se fosse possibile dar corso ad una società (tra professionisti, appunto) tra un’Agenzia di Investigazioni Private ed un Avvocato, senza che il legale incorra nel divieto deontologico forense di “azioni di accapparamento della clientela”.

Chiedo inoltre se sia stata superata, a questo punto, la norma che prevede l’obbligo per un’Agenzia di Investigazioni di avere la propria sede separata da ogni altro tipo di attività (chiaramente in questo caso il titolare di agenzia investigativa rimarrà con la propria licenza – che non è cedibile).

M., Collaboratrice di Agenzia Investigativa Continua a leggere

Buonasera, vi chiedo cortesemente di rispondere ai seguenti quesiti.

1) Se una società autorizzata dal Prefetto all’attività di investigazione compie anche un’attività di “vigilanza”, si ricade nel reato di vigilanza abusiva punito dall’art. 140 TULPS?

2) Quale sanzione potrebbe rischiare il committente? Si potrebbe configurare un “concorso necessario” nel reato? Continua a leggere

Buongiorno,
non sono riuscita a reperire (nemmeno nel sito del ministero dell’interno) l’elenco degli enti accreditati per la formazione degli investigatori privati.
In assenza di accrediti ufficiali, quali sono i criteri per cui un ente può erogare formazione ai sensi del D.M. 269/2010? Può essere sufficiente che un ente sia già accreditato per altri ambiti formativi? Continua a leggere

Il disegno di legge n° 3270, approvato dalla Camera lo scorso 19 dicembre (benché passibile di correzioni formali fino alla sua pubblicazione in GU), potrebbe riguardare anche le figure professionali che si occupano di sicurezza sussidiaria, ad esclusione di quelle già disciplinate.
Nella guida alla norma edita dal Sole24 Ore compare infatti un elenco delle professioni potenzialmente interessate dalla nuova disciplina, tra le quali si annoverano anche gli “addetti alla sicurezza”. Ora, considerato che gran parte della categoria è già regolata da diverse cornici normative (pensiamo a guardie giurate, “ex buttafuori”, steward, investigatori privati, informatori commerciali), il riferimento potrebbe rivolgersi alla pletora di attività disarmate che appartengono alla sfera della sicurezza sussidiaria, e che sono attualmente comprese nell’espressione “portierato”. Se così fosse, ma attendiamo ancora gli elenchi ufficiali, si aprirebbe un nuovo scenario per la qualificazione professionale. Continua a leggere

Scadenze in vista per il D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche: dal 1 gennaio 2013 le aziende che occupano fino a 10 lavoratori (quindi la quasi totalità delle agenzie di investigazioni private) non potranno più autocertificare l’avvenuta valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, ma dovranno anch’esse elaborare il documento di valutazione dei rischi (affettuosamente definito DVR) secondo le procedure standardizzate. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss