Estensione di licenza di vigilanza privata, nuove regole: un boomerang?

Le note di Bastiancontrario su temi all’apparenza tecnici scatenano sempre un vivace dibattito politico. Ci riferiamo stavolta al fatto che la richiesta di estensione di licenza permetterà d’ora in poi di partire con nuovi servizi e nuove aree senza più aspettare 90 giorni per il silenzio-assenso. Un’ottima notizia per le imprese di vigilanza privata già dotate di ciò che richiede la legge per crescere; il panico per chi sfrutta i 90 giorni per barcamenarsi (adeguandosi in un secondo momento o lasciando perdere, in base alla convenienza). Il tutto con la mannaia di verifiche che potrebbero partire immediatamente. Ma quando mai, si dirà, con i soliti uffici PAS con la eco… Eppure, nonostante l’improbabilità che lo stato metta il turbo nelle verifiche, è lecito pensare ad un’occasione di rinnovamento etico per il settore? O, in seconda battuta, ad un po’ di ossigeno per le imprese… Se lo chiede il Presidente di Federsicurezza Luigi Gabriele, e noi con lui.

Continua a leggere

Rilascio/rinnovo titoli nella vigilanza privata: slitta tutto di un mese

Mentre gran parte dell’Italia si ferma, i servizi di security, vigilanza privata e trasporto valori (quest’ultimo, peraltro, essenziale per l’approvvigionamento del denaro negli sportelli bancomat e per il ritiro delle pensioni) continuano senza sosta, assumendo peraltro nuove funzioni di rispetto delle precauzioni indicate per evitare la diffusione del contagio da Covid19. In questo contesto, i già infiniti ritardi di Questure e Prefetture nelle pratiche di rinnovo e rilascio delle licenzedestano particolare preoccupazione. Il 12 Marzo 2020 il Dipartimento di Pubblica Sicurezza (Ufficio Amministrazione Generale) presso il Ministero dell’Interno ha però emanato una circolare che reca indicazioni per le Aree di Polizia Amministrativa delle Prefetture e per le Divisioni PAS delle Questure in materia di rilascio e rinnovo di titoli e autorizzazioni di polizia e contestuale contenimento dell’emergenza sanitaria in corso.

Continua a leggere

Licenze triennali e rinnovo dei decreti di guardia giurata: chiarimenti del mininterno

vigilanza-privata-porto-armi

ROMA – Poiché si sono diffuse voci fantasiose sulle nuove scadenze dei titoli autorizzatori, il ministero dell’Interno ha emanato una circolare che chiarisce come interpretare le modifiche apportate al TULPS dal DL Semplificazioni.
In sintesi: le autorizzazioni ex art 134 (licenza per attività di vigilanza privata e investigazioni private) diventano triennali. Diventa annuale la licenza per porto d’armi lunghe da fuoco per difesa personale (le licenze ad uso caccia e per il tiro a volo restano invece di sei anni). Restano invariati il rinnovo biennale del decreto e del porto di pistola per le guardie giurate (la  circolare sul punto è farraginosa, ma abbiamo avuto assicurazioni sulla correttezza della nostra interpretazione). Quanto al regime transitorio, le autorizzazioni rilasciate prima del DL semplificazioni (10 febbraio 2012)  troveranno la loro scadenza naturale. Dal prossimo rinnovo si attiverà il regime triennale.

Continua a leggere

Decreto semplificazioni e vigilanza privata: la licenza diventa triennale

licenza-triennale-vigilanza-privata

ROMA – Il Decreto semplificazioni, pubblicato in GU il 9 febbraio dopo una marea di emendamenti, incide anche sul comparto vigilanza privata e investigazioni private. All’art. 13, infatti, il DL apporta alcune modifiche al TULPS che potrebbero avere ripercussioni significative nell’operatività degli Istituti di Vigilanza e delle Agenzie di investigazione (clicca sotto per scaricare il decreto semplificazioni).
Vediamo, in sintesi, le novelle che potranno impattare sul settore sicurezza sussidiaria.

Continua a leggere