Stop al CCNL: la vigilanza privata verso la balcanizzazione

ccnl-vigilanza-privata-portieri

ROMA – Dopo quattro anni di alti e bassi, accelerazioni e frenate, rotture e riappacificazioni, si è interrotto il confronto per il rinnovo del contratto nazionale della Vigilanza Privata tra Filcams-Cigl, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil e Assiv, Legacoop/Agci.
Nell’incontro del 26 novembre, quando ormai sembrava di essere in zona Cesarini e alla presenza dei segretari generali delle OOSS, le rappresentanze datoriali (orfane peraltro di Confcooperative) hanno dichiarato che non sussistono più le condizioni per rinnovare il contratto nazionale.
E tanti saluti.

Continua a leggere

Rinnovo CCNL Vigilanza privata: Federsicurezza recede?

recesso

ROMA – Il tavolo di confronto per il rinnovo del contratto collettivo nazionale della vigilanza privata procede senza sosta. Mentre la negoziazione con Assiv/Cooperazione si avvia al rush finale con cinque giornate successive di confronto (ma le delegazioni territoriali Filcams – Cgil diffidano dall’accettare le proposte economiche), Federsicurezza propone un “saldo” delle pendenze giudiziarie sull’indennità di vacanza contrattuale e ipotizza di poter recedere dall’attuale contratto per “sopravvenuta impossibilità ad onorarlo”, rilanciando al contempo la propria volontà di costruire un CCNL nuovo e moderno.

Continua a leggere

CCNL vigilanza privata: urge ricomporre il tavolo

intervista-ccnl-anivp-vigilanza-privata-guardie-giurate

Mentre le guardie giurate protestano a Roma per il rinnovo di un contratto collettivo di lavoro ormai scaduto da trenta mesi, il tavolo della vigilanza privata prosegue.
Un po’ a spizzichi e bocconi, ma va pur sempre avanti.
Negli ultimi incontri si è discusso di orario di lavoro, flessibilità e trattamento economico della malattia in un tavolo che ha visto Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs -UIL confrontarsi con la sola Federsicurezza. Assenti ASSIV e Cooperazione per divergenze sulla questione dei portierati (ASSIV li vuole dentro al contratto, Federsicurezza li vuole fuori e la Cooperazione, nel caos generale, è in pausa di riflessione).

Continua a leggere

Quattro provvedimenti per riaprire le trattative della vigilanza privata

striscione_contratto2

ROMA, 28 ottobre 2010 – C’erano tutti al ministero del Lavoro.
Sabina Bigazzi con Maurizio Scarpa per Filcams, Vincenzo Dell’Orefice per Fisascat e Parmenio Stroppa con Paolo Andreani per Uiltucs. Sul fronte datoriale, le 14 (sic!) rappresentanze presenti hanno mantenuto la linea dura preannunciata nelle precedenti dichiarazioni: senza i correttivi richiesti, il 31 dicembre 2010 – alla scadenza naturale del contratto – le associazioni di categoria firmatarie recederanno dal CCNL per sopravvenuta cessazione delle condizioni che ne rendevano praticabile l’adempimento.

Continua a leggere