Vigilanza Fiscale

Rubrica che tratta, con l’aiuto di esperti, temi fiscali – amministrativi d’interesse per la vigilanza privata, il trasporto valori e le investigazioni private.
Sei un esperto? Sottoponi alla redazione i tuoi articoli tecnici: vogliamo far sentire anche la tua voce obliqua.
ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com si impegna sempre a garantire l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

maglietta_lavoro-notturno

ROMA – L’agenzia delle Entrate, su iniziativa dell’ASSIV, ha rilasciato un parere in merito alla possibile applicazione dell’imposta sostitutiva del 10% nella vigilanza privata relativamente a:

– prestazioni di lavoro svolte nella giornata di riposo settimanale;
– prestazioni di lavoro in orario notturno e relativa indennità;
– prestazioni di lavoro straordinario e relativa maggiorazione per esigenze di servizio;
permessi non fruiti banca delle ore; permessi non fruiti annuali;
– prestazioni di lavoro svolte nei giorni di festività. Continua a leggere

vigilanza-privata-pensione-anticipata-guaride-giurate

E’ stato pubblicato in G.U. il D. Lgs n. 67/2011 (“Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti”.

D. Lgs n. 67 del 21/04/2011 - lavori usuranti/notturno - pensionamento anticipato
65.9 KiB
246 Downloads
Dettagli

Scattano quindi i promessi tre anni di pensionamento anticipato per chi svolge mansioni usuranti – vigilanza inclusa, nella sua accezione di lavoro notturno. Per farlo, occorre presentare domanda di prepensionamento entro il 30/09/2011 (se la guardia giurata ha già maturato i requisiti o se li maturerà entro il 31/12/2011), oppure entro il 1° marzo dell’anno di maturazione, se i requisiti vengano maturati a decorrere dal 01/01/2012. Continua a leggere

Abbiamo già dato notizia delle novità introdotte dall’art. 31, primo comma, del D.l. n. 78/2010, c.d. “Manovra correttiva”, in ordine alla “stretta” in materia di compensazioni. Le ulteriori limitazioni sono – purtroppo per i contribuenti corretti – il frutto di un dissennato comportamento di tanti altri contribuenti che, anche per la lentezza della macchina burocratica, hanno prodotto un elevato ammontare di compensazioni di crediti inesistenti con i quali hanno provveduto al pagamento di debiti tributari e previdenziali. Certamente l’interesse primario della cosa pubblica, dopo un primo e forse anche un secondo momento di incomprensione, ci porterà a “digerire” la nuova limitazione. Continua a leggere

agenzia-entrate

ROMA – Il 14 febbraio 2011 è stata emanata, a firma congiunta dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, la circolare n. 3/E, che fornisce chiarimenti sulla normativa applicabile in questo 2011 con riferimento all’imposta sostitutiva del 10% sulle componenti accessorie della retribuzione corrisposte in relazione ad incrementi di produttività (art. 1, comma 47 Legge 220 del 2010). Continua a leggere

Dal 01.01.2011, a seguito dell’emanazione di due provvedimenti del direttore dell’Agenzia delle Entrate datati 29.12.2010, è entrata in vigore la disposizione che obbliga le imprese che vogliono effettuare acquisti o cessioni di beni e/o servizi intracomunitarie, a richiedere una specifica l’autorizzazione all’Agenzia delle Entrate. Il rilascio dell’autorizzazione permette l’iscrizione nell’apposito elenco VIES (Vat Information Exchange System) che include tutte le imprese a livello europeo che hanno requisiti per svolgere queste operazioni. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss