Vigilanza Tecnologica

Rubrica che tratta, con l’aiuto di esperti, temi di matrice tecnologica che hanno attinenza con il mondo della vigilanza privata, del trasporto valori e delle investigazioni private.
Sei un esperto di tecnologie per il settore? Sottoponi alla redazione i tuoi articoli tecnici: vogliamo far sentire anche la tua voce obliqua.
ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com si impegna sempre a garantire l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

logo-garante-privacyQuante volte gli istituti di vigilanza privata vengono nominati “titolari del trattamento dei dati” dai clienti ai quali si collega la loro centrale operativa? Quante volte i contratti di servizio stipulati con i clienti prevedono una sezione dedicata agli adempimenti Privacy? Se sì, quante volte tale sezione è aggiornata ad una normativa complessa ed in costante evoluzione come quella sulla riservatezza? La risposta è quasi retorica. Ma le multe possono essere salate. Continua a leggere

Grandi novità nella tecnologia anche per un mondo statico ed ingessato come la vigilanza privata. Parliamo nientemeno che di droni, cioè di aerei privi di pilota pensati per semplificare l’attività di monitoraggio nelle aree dove l’utilizzo della tradizionale guardia giurata sarebbe complicato o ineffice. Campi agricoli, porti, stazioni, depositi di camion e autoveicoli, canali di scolo: per tutte le aree dove una visualizzazione aerea ad alta definizione risolverebbe ogni problema, è nato Guardian 2000, un’opera di robotica realizzata da una startup italiana per conto di Securitas Metronotte. Continua a leggere

VIGILO4YOU20 Giugno 2014. Molti la ricorderanno come la data della disfatta italiana ai mondiali, ma chi era presente al Relais Franciacorta di Brescia lo ricorda invece come un giorno di divertimento e formazione unici per capire come recuperare marginalità e come aprirsi nuove opportunità di business in un mercato della vigilanza privata, dell’installazione elettrica e di sicurezza ormai sempre più livellati verso il basso. La risposta si chiama Vigilo4You e al Relais Franciacorta l’hanno raccontata, in modo esilarante e assolutamente incisivo, Giorgio Verduci, noto “comico di Zelig dotato di mazza”, il consulente di strategia aziendale Paolo Bardicchia e il team della start-up bresciana Vigilo4You. Vigilo4You è il primo esempio italiano di vigilanza a consumo: un servizio di pronto intervento a chiamata economico, certo e qualificato per una sicurezza finalmente accessibile a tutti, perché elimina il costo fisso dell’abbonamento.
Continua a leggere

COMO – É un sistema tecnologicamente all’avanguardia che porta innovazione in un settore, quello della Vigilanza Privata, in genere piuttosto statico. Si chiama Rondamatic Cloud, software applicativo progettato e sviluppato per semplificare il più possibile la gestione delle ronde, utilizzando avanzate risorse hardware e software per configurare, raccogliere e analizzare le visite effettuate dalle guardie giurate nei vari siti da controllare. Il sistema è proposto agli Istituti di Vigilanza come strumento di produttività e di rendicontazione puntuale delle attività per i propri clienti. Questi ultimi hanno la possibilità di accedere direttamente ai loro report, in tempo reale e anche da remoto, con un tablet o uno smartphone. Gli operatori degli Istituti di Vigilanza non dovranno più dedicare tempo alle elaborazioni dei dati delle visite e non sarà quindi necessaria la spedizione di report con i risultati. La gestione è automatica: il sisteme permette infatti di definire, raccogliere e analizzare i dati relativi alle visite effettuate dalle guardie nei siti dei clienti, al fine di garantirne una maggiore sicurezza. Continua a leggere

Gestori di contante di tutta Italia, aprite le orecchie! Ricordate il SIRFE, nuovo Sistema Informatico di Rilevazioni Frodi Euro, introdotto dal DM 1 Febbraio 2013 per gestire un archivio informatizzato sulle falsificazioni dell’euro? Beh, dallo scorso 14 Maggio è diventato ufficialmente operativo: tutti i gestori del contante (banche, Poste Italiane e società di servizi, come gli Istituti di Vigilanza Privata che trattano, contano e gestiscono il contante) sono tenuti a comunicare solo telematicamente all’UCAMP (Ufficio Centrale Antifrode dei mezzi di pagamento) i dati relativi ai sospetti falsi.
Un recente incontro presso il Ministero dell’Economia e Finanze, anche tramite simulazioni pratiche, ha illustrato funzionamento e FAQ sul sistema SIRFE, evidenziando che occorre particolare attenzione nella compilazione del form del verbale (la maggior parte delle richieste di assistenza pervenute richiedeva la cancellazione di verbali rilasciati). Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss