Vigilanza Tecnologica

Rubrica che tratta, con l’aiuto di esperti, temi di matrice tecnologica che hanno attinenza con il mondo della vigilanza privata, del trasporto valori e delle investigazioni private.
Sei un esperto di tecnologie per il settore? Sottoponi alla redazione i tuoi articoli tecnici: vogliamo far sentire anche la tua voce obliqua.
ATTENZIONE: per dar corso alle numerose richieste che ci pervengono dai lettori, ci occorrono le generalità del mittente e l’Istituto/Agenzia di appartenenza. Ovviamente non verranno divulgate (è una norma precauzionale contro perditempo e richieste fasulle): www.vigilanzaprivataonline.com si impegna sempre a garantire l’anonimato di chi fa sentire la propria voce.

 

centrale-monitoraggio-vigilanza-privata

Gli analisti tornano ad occuparsi di centrali di monitoraggio con uno studio su USA ed EMEA che rileva un trend positivo e conferma la progressiva concentrazione di control room che si riscontra per la sicurezza privata anche in Italia, complici il DM 269/2010 e la riforma della vigilanza privata.
Con specifico riferimento a sicurezza pubblica, trasporti e utilities, l’indagine di IMS Research “Command and Control Rooms – EMEA and North America – 2013” prevede che il fatturato del settore (pari a 2,8 miliardi di dollari nel 2012) raggiungerà i 3,4 miliardi di dollari entro il 2015. Continua a leggere

Oggi vi raccontiamo una sentenza della Cassazione Penale che, anche se non direttamente riferita alla vigilanza privata, incide su tutti i lavoratori – guardie giurate incluse.
Un datore di lavoro controlla a distanza i propri dipendenti tramite un sistema di videosorveglianza.
Prima di installare le telecamere, chiede a ciascun dipendente di firmare l’autorizzazione ai filmati e tanto gli basta. Lo Statuto dei Lavoratori richiederebbe uno specifico accordo sindacale o dell’Ispettorato del Lavoro, ma per Cassazione basta raccogliere le firme di tutti i lavoratori.
Peccato che sia ben più facile ottenere una firma dal proprio dipendente, che si trova in posizione subordinata, piuttosto che da un Ispettorato del Lavoro.
Lo evidenzia l’Avvocato Roberto Gobbi, in commento allasentenza della Cassazione n. 22611 dell’11-06-2012
Continua a leggere

videosorveglianza-luogo-lavoro

ROMA – L’uso di sistemi di videosorveglianza nei luoghi di lavoro si scontra con lo statuto dei lavoratori che operano nell’area videosorvegliata e che vanno tutelati contro gli abusi di tali strumentazioni. L’uso di questi impianti è quindi soggetto ad autorizzazione della Direzione territoriale del lavoro (DTL), che opera un accertamento tecnico preventivo sulla legittimità dell’installazione. Il ministero del Lavoro ha però studiato delle forme di semplificazione con la nota n. 7162 del 16 aprile, quanto meno laddove la TVCC possa rappresentare un efficace deterrente al crimine (tabaccherie, oreficerie, edicole, benzinai, ecc.). Continua a leggere

contazione-denaro-novita-Bankitalia-vigilanza-privataROMA – In piena bufera europea, Bankitalia richiede nuovi adempimenti alle società che svolgono servizi di gestione e trattamento del contante. Per monitorare il ricircolo delle banconote e gli sviluppi del ciclo del contante, la BCE ha infatti imposto a Bankitalia di ottenere delle statistiche sulle banconote processate da parte non solo di banche e poste, ma anche delle società che gestiscono e trattano il contante (sale conta). Ciò significa che le sale di contazione, ad esempio, avranno l’obbligo di segnalare periodicamente alcuni dati sul c.d. Portale del Contante di Banca d’Italia e quindi di interfacciarsi con la stessa Banca d’Italia utilizzando specifici strumenti di codifica. Continua a leggere

rifiuti-tossici

Oggi parliamo di gestione dei rifiuti, un problema balzato all’opinione pubblica dopo le note vicende di Napoli. Il ministero dell’Ambiente ha istituito un sistema di tracciabilità nel trasporto  dei rifiuti – il famoso progetto Sistri – volto ad escludere le possibili infiltrazioni malavitose. Nulla da dire, ci mancherebbe. Tuttavia difficoltà attuative, costi elevati e possibili vizi di legittimità hanno imposto una proroga di cinque mesi, rinviando al 31 maggio 2011 la decorrenza delle sanzioni. Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video