Rinnovo CCNL Vigilanza Privata: il 10 settembre riparte la trattativa

Il 10 settembre pv riparte il confronto sul rinnovo del CCNL Vigilanza Privata. In attesa di novità sui punti più critici per la tenuta della trattativa (mercato del lavoro, inquadramento unico, cambio di appalto e ovviamente salario), riepiloghiamo gli ultimi temi sui quali si è ravvisata una sostanziale convergenza: salute e sicurezza sul lavoro, previdenza e assistenza integrativa, permessi e congedi.

Continua a leggere

Estensione di licenza di vigilanza privata, nuove regole: un boomerang?

Le note di Bastiancontrario su temi all’apparenza tecnici scatenano sempre un vivace dibattito politico. Ci riferiamo stavolta al fatto che la richiesta di estensione di licenza permetterà d’ora in poi di partire con nuovi servizi e nuove aree senza più aspettare 90 giorni per il silenzio-assenso. Un’ottima notizia per le imprese di vigilanza privata già dotate di ciò che richiede la legge per crescere; il panico per chi sfrutta i 90 giorni per barcamenarsi (adeguandosi in un secondo momento o lasciando perdere, in base alla convenienza). Il tutto con la mannaia di verifiche che potrebbero partire immediatamente. Ma quando mai, si dirà, con i soliti uffici PAS con la eco… Eppure, nonostante l’improbabilità che lo stato metta il turbo nelle verifiche, è lecito pensare ad un’occasione di rinnovamento etico per il settore? O, in seconda battuta, ad un po’ di ossigeno per le imprese… Se lo chiede il Presidente di Federsicurezza Luigi Gabriele, e noi con lui.

Continua a leggere

Estensione della licenza di vigilanza privata: i 90 giorni sono acqua passata

Per estendere la licenza di vigilanza privata non si devono più aspettare 90 giorni: basta presentare il progetto e si possono subito operare nuovi servizi in nuovi territori. Lo dice il Consiglio di Stato. Ottimo? Ni. Perché spesso gli istituti chiedono l’estensione senza disporre, sull’unghia, di tutte le dotazioni necessarie e i 90 giorni di attesa sono un cuscinetto per temporeggiare in genere fino all’aggiudicazione dell’appalto: se va bene, l’istituto ha il tempo per adeguarsi; se va male, può sempre ritirare la richiesta. E da oggi, senza i 90 giorni di interregno, la Prefettura potrà attivare le verifiche anche il giorno dopo aver ricevuto la comunicazione. Bastiancontrario ci illustra il rovescio del diritto, dove anche ciò che pare bello non sempre si rivela tale.

Continua a leggere

Vigilanza Privata e centrali di monitoraggio: in italiano la UNI CEI EN 50518:2020 

centrale-monitoraggio-vigilanza-privataE’ disponibile in lingua italiana la nuova norma UNI CEI EN 50518:2020 “Centro di monitoraggio e di ricezione di allarme”. La norma risponde ai requisiti dei DM 269/2010 e 115/2014 e del Disciplinare del Capo della Polizia, che impongono la certificazione agli istituti di vigilanza privata (secondo le norme UNI 10891 e UNI 10459) e a quanti dispongono di centrali di monitoraggio e di ricezione allarme (norma UNI CEI EN 50518).

Continua a leggere

Una sicurezza fatta dalle donne, per le donne

Valentina Cogliano è una donna ed è una guardia giurata. Questa lettera al Direttore, che inaugura una nuova Rubrica dedicata alla situazione femminile in un settore di appannaggio maschile come la vigilanza privata, racconta una realtà ancora densa di pregiudizi e cliché, nella quale essere donna non è sempre facile. Nè come lavoratrice nè come imprenditrice. La rubrica è aperta al contributo di tutte le donne del settore sicurezza: vi aspettiamo con spunti e idee.

Continua a leggere