Rientro a scuola: sussidi per gli addetti ai servizi di sicurezza e agli investigatori privati

Incubo rientro a scuola: complice l’inflazione dovuta alla crisi energetica e alla guerra, anche comprare libri e quaderni è diventato un salasso per le famiglie. Per questo il Presidente dell’ENBISIT e di AISS, Franco Cecconi, annuncia un piano straordinario volto a sostenere i dipendenti delle Agenzie di Sicurezza Sussidiaria non armata e degli Istituti Investigativi, promuovendo i sussidi previsti dal CCNL.

Continua a leggere

Vigilanza privata: riparte la trattativa per il rinnovo del CCNL

È ripreso il 5 e 6 settembre il confronto per il rinnovo del Contratto nazionale della Vigilanza Privata e Servizi di Sicurezza, scaduto ormai da 7 anni.  Le Associazioni Datoriali hanno espresso la disponibilità a migliorare la proposta economica già prospettata lo scorso 1 e 2 marzo, pur in un contesto economico divenuto più incerto per l’impatto sui costi aziendali derivanti dalla situazione generale; è stata ribadita l’esigenza di una durata del Contratto nazionale superiore ai tre anni.

Continua a leggere

UNIV alla politica: basta chiacchiere elettorali, la vigilanza privata ha bisogno di fatti

E’ amaro il “manifesto alla politica” rilasciato da UNIV, Unione Imprese Vigilanza Privata, associazione di categoria più rappresentativa del settore sicurezza, aderente a ConFedersicurezza-Confcommercio e a CoESS sul piano europeo. Un manifesto che ripercorre le principali battaglie portate avanti (dalla qualificazione degli operatori all’apertura di nuovi mercati – rivendicati peraltro da più categorie professionali – come la difesa della persona fisica o le guardie giurate all’estero, dall’IVA agevolata alla lotta all’abusivismo): temi quasi sempre attenzionati dai governi di turno, anche con tangibili proposte di legge, ma mai messi a terra per un motivo o per l’altro. Di seguito il testo, firmato dal Segretario Generale di UNIV Anna Maria Domenici.

Continua a leggere

Vigilanza Privata: non si trova personale (in tutta UE)

Manca l’energia, mancano le materie prime e mancano pure gli uomini e le competenze. Un problema che sta diventando endemico in un settore, come la sicurezza privata, che ha forte richiesta di manodopera e da anni fatica a reperirla. E se in Italia la risposta si può facilmente trovare nei salari agghiaccianti della vigilanza privata e soprattutto del portierato, il problema risulta però essere più ampio: pare che infatti oggi in nessun paese europeo si trovi personale di sicurezza.

Continua a leggere