Vigilanza Privata: dopo un buon 2021, nuove sfide per Coopservice (e per tutti)

Chiaroscuri di un settore vigilanza privata che nel 2021 si era ripreso ma che si è trovato a fronteggiare altre variabili ancora più dannose del Covid: dal caro energia ad una guerra dagli esiti imprevedibili. Ne abbiamo parlato con Roberto Olivi, riconfermato presidente di Coopservice, per la quale ha già ricoperto diversi incarichi prestigiosi, tra i quali Di.Ge e Direttore della divisione Sicurezza.

Continua a leggere

Attivare l’allarme sarà naturale come spegnere la luce. Parola di Verisure

2500-3000 posti di lavoro nel 2025, che diventeranno 6000 nel 2030: questa l’ambiziosa roadmap di Verisure Italy, che dal suo debutto nel 2013 ha già creato 2000 posti di lavoro e sta per festeggiare il traguardo di 200.000 clienti in quello small business che in Italia si fa enorme fatica ad intercettare. La ricetta? Un modello di business innovativo e una proposta di alta sicurezza tecnologica combinata ad un servizio di centrale operativa certificata. Ne abbiamo parlato con Stefan Konrad Mendez, Managing Director Verisure Italia.

Continua a leggere

Vigilanza privata e servizi di sicurezza: oggi e domani secondo Italo Soncini

Come si presenta il mercato italiano dei servizi di sicurezza privata oggi? Quali modelli di business caratterizzano le aziende leader? Quali punti di debolezza presenta il settore? Sarà mai in grado di internazionalizzarsi? Come si può immaginare il comparto della vigilanza privata e sicurezza tecnologica tra 5 anni? L’abbiamo chiesto a Italo Soncini, Managing Director Alvarez & Marsal e Commissario Straordinario di Securpol Group, ma anche ex CEO di IVRI, regista della cessione del Gruppo a BSK Securmark e consulente nel successivo acquisto da parte di Sicuritalia.

Continua a leggere

Sicuritalia certifica IMQ l’intera rete tecnica

Entro il 2021, la rete tecnica interna e il network di Punti Assistenza Tecnica della divisione Engineering Security Systems di Sicuritalia, leader nel settore sicurezza e vigilanza privata con oltre 650 milioni di euro di ricavi e 15.000 dipendenti, sarà costituita esclusivamente da personale certificato IMQ-AIRVIDEO. L’obiettivo è raggiungere i massimi standard della norma europea UNI CEI EN 16763 (che identifica i requisiti minimi per la fornitura di servizi in termini di competenze, conoscenze e abilità delle figure professionali relative alla progettazione, pianificazione, installazione, collaudo, verifica, gestione e manutenzione dei sistemi antincendio e/o sistemi di sicurezza). La certificazione IMQ-AIRVIDEO non è un requisito obbligatorio: testimonia quindi la volontà di creare concreto valore nel mercato e garanzie di servizi erogato solo da operatori affidabili.

Continua a leggere