2 maggio 2022: sciopero della vigilanza privata

Era inevitabile, con un CCNL della vigilanza privata scaduto da 7 anni e trattative che fanno acqua da tutte le parti: il 2 maggio 2022 i sindacati hanno proclamato sciopero nazionale per tutti i turni di lavoro. I motivi? Lo “stato di sofferenza e di profondo disagio dei lavoratori e delle lavoratrici ingenerato dalla conclusione con esito negativo del negoziato avvenuta il 18 marzo 2022” – questo si legge nel comunicato sindacale unitario, che non possiamo che sottoscrivere.

Continua a leggere

Tra mobilitazione e dialogo: reazioni allo stop del rinnovo CCNL vigilanza privata

Oggi sit-in di lavoratori del settore vigilanza privata e servizi fiduciari presso la Prefettura di Catanzaro contro l‘affossamento della trattativa di rinnovo del CCNL di categoria. In un settore già a brandelli e che vive di appalti, il nuovo Disegno di Legge Appalti, che non rende più obbligatoria la “clausola sociale” in caso di cambio appalto, significa precarietà permanente e salari da fame. Lo dichiarano Giuseppe Valentino (Filcams Cgil), Fortunato Lopapa (Fisascat Cisl) e Caterina Fulciniti (Uiltucs Uil).

Continua a leggere

Stallo rinnovo CCNL Vigilanza Privata: la replica di Confedersicurezza

La lettera di alcune guardie giurate di Trieste giunta alla nostra Redazione è stata inviata anche alle Associazioni della vigilanza privata. Riceviamo e pubblichiamo la replica giunta da ConFederSicurezza e Servizi, nelle parole del suo Presidente Luigi Gabriele. Dalle quali emerge, oltre ad una profonda amarezza per l’esito delle trattative e il lavoro gettato al vento (forse anche per eccesso di temi che si sono voluti affrontare), la volontà di riprendere a negoziare il prima possibile, magari riducendo il perimetro di analisi e dando priorità alle emergenze sociali.

Continua a leggere