Sicuritalia acquisisce IVRI e annuncia 3000 assunzioni

Se ne parlava da mesi, e oggi è realtà: Sicuritalia ha formalizzato l’acquisizione di IVRI dando vita al più impressionante polo italiano della sicurezza, capace di tenere finalmente banco all’invasione dei colossi stranieri. Con 85 milioni di euro del valore di IVRI più l’acquisto dei crediti di Unicredit e Banco Bpm (70 milioni), il fatturato di Sicuritalia sale a 650 milioni di euro. E a 15mila dipendenti.

Continua a leggere

Vigilanza Privata e salario minimo: chiarimenti cercasi

trasporto-euroIl salario minimo proposto dal M5S sarebbe di 9 euro l’ora al lordo delle tasse, ma il calcolo non sembra affatto pacifico. Le tante precisazioni a questo nostro articolo la dicono lunga sulla confusione mediatica, ma anche delle stesse commissioni parlamentari, sulla base di calcolo: si deve partire dalla paga oraria media mensile o da quella annua (che include ferie, tredicesima ecc)? Non è una differenza da poco: se si considera come base il salario orario mensile, quasi tutti i contratti infatti risultano sotto soglia (la vigilanza privata sta tragicamente sui 6,20 euro), ma se si parte dal salario medio su base annua, gran parte dei CCNL superano i 9 euro (la vigilanza privata dove si attesta? Giro la domanda ai sindacati).

Continua a leggere

Vigilanza Privata: fondi per la formazione professionale

Quante imprese della vigilanza privata sanno di poter accedere a fondi per finanziare piani formativi aziendali, territoriali, settoriali ed individuali, personalizzando i percorsi in base ai fabbisogni individuati? Pochi, a giudicare dalle realtà che ad oggi godono delle opportunità offerte da Fondo For.Te.
Riprendiamo dal sito UNIV, per gentile concessione, estratti dell’intervista a Elenora Pisicchio, Direttore del Fondo For.te.

Continua a leggere

Vigilanza Privata, imposta pubblicitaria e loghi sui mezzi di servizio: le dimensioni contano

Quando esporre un logo, una targa o un contrassegno sui mezzi di servizio è requisito obbligatorio per legge, non si paga l’imposta sulla pubblicità.
E’ il caso di chi opera nella vigilanza privata, che deve esporre il contrassegno sul proprio parco mezzi per ottemperare alle normative e ai regolamenti di servizio. Tuttavia il Dlgs. n. 507/1993 all’art. 17, comma 1, lett. i) esonera dal pagamento dell’imposta solo le insegne, targhe e simili – la cui esposizione sia obbligatoria – purché le dimensioni del mezzo usato non superino il mezzo metro quadrato di superficie.

Continua a leggere