ccnl

Momento caldo per la vigilanza privata: le trattative per il rinnovo del CCNL stagnano e le associazioni sindacali minacciano nuove e più imponenti mobilitazioni. Inoltre qualche atto dell’Amministrazione desta perplessità operative, mentre per converso le relazioni con la politica sembrano andare a gonfie vele perchè “se non ora, quando”? E le imprese che ne pensano? Ne abbiamo parlato con Luigi Gabriele, Presidente di Federsicurezza, Federazione del Settore della Vigilanza e Sicurezza Privata, aderente a Confcommercio Imprese per l’Italia. Continua a leggere

ccnl-vigilanza-privata-portieriAncora nulla di fatto per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro della vigilanza privata e dei servizi integrati di sicurezza sussidiaria, scaduto nel 2015 e atteso da oltre 70mila operatori del settore. E i sindacati Filcams Cgil Fisascat Cisl e Uiltucs Uil minacciano due nuove giornate di sciopero articolate a livello regionale e nazionale, nel caso perduri la situazione di stallo.

Continua a leggere

Finalmente un incontro denso di contenuti tecnici, quello avvenuto lo scorso 4 luglio tra Rappresentanze Sindacali dei lavoratori e Associazioni Datoriali del comparto Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari per il rinnovo di un CCNL scaduto ormai da troppi anni. In attesa del nuovo incontro del 19 Luglio, che verterà su un altro tema delicato (il cambio d’appalto), illustriamo i punti che sono stati affrontati, tutti afferenti al mercato del lavoro. Continua a leggere

Continua l’azione di contrasto al dumping contrattuale da parte dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, che il 20 Giugno ha rilasciato una nuova delibera ove si rammenta che, fermo restando il principio di libertà sindacale, la fruizione di particolari benefici (es. clausole contrattuali flessibili) è ammissibile solo se si applicano i contratti “leader” del settore. Gli stessi CCNL siglati dalle OOSS comparativamente più rappresentative sono gli unici parametri di riferimento per l’individuazione degli imponibili contributivi. Continua a leggere

Vi ricordate le linee guida dell‘ANAC (Autorità nazionale anticorruzione) del 2015 sull’affidamento dei servizi di vigilanza privata? Sono state aggiornate dalla nuova delibera pubblicata il 5 giugno scorso. Di mezzo ci sono state un’inchiesta di consultazione pubblica e un parere del Consiglio di Stato, che avevamo già commentato. Poichè la nuova delibera annulla e sostituisce la precedente, ne sintetizziamo di seguito le principali novità.

Continua a leggere

Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss