Travel Security: new business per una vigilanza privata evoluta

18 Feb 2019

di Ilaria Garaffoni

Negli ultimi due anni è cresciuta del 30%: parliamo della travel security, segmento tangenziale alla sicurezza tradizionale che si occupa di proteggere i lavoratori in trasferta negli spostamenti e di evitare possibili situazioni di rischio. Un mercato il cui valore si lega allo sviluppo della business travel che, secondo Global Business Travel Association, raggiungerà i 1.700 miliardi di dollari entro il 2022. Un mercato specialistico che non tutti gli operatori possono affrontare perchè richiede competenze e tecnologie sofisticate.Del resto, oltre alle minacce informatiche, sono i rischi sanitari ad attirare i maggiori investimenti delle aziende con personale viaggiante.
Da uno studio targato ITSTIME (Italian Team for Security, Terroristic Issues & Managing Emergencies) – Sicuritalia emerge infatti che le imprese investono il 70% del  budget per la prevenzione dei rischi sulle minacce sanitarie, segue il 15% su quelle meteorologiche, il 5% nella sicurezza degli alloggi ed il 5% in altri settori. Una GDO potrebbe in sostanza spendere 35 milioni di euro solo per la sicurezza dei dipendenti expat. D’altra parte, in caso di crisi, i danni economici e reputazionali per l’azienda potrebbero raggiungere i diversi punti percentuali del fatturato. La travel security è quindi un elemento strategico per le aziende.

Ne sa qualcosa Sicuritalia, scelta nientemeno che da Ansaldo Energia per l’erogazione dei servizi di Travel Security sui suoi oltre 3000 dipendenti attivi in tutto il mondo. In tutti i Paesi in cui opera il personale Ansaldo Energia, Sicuritalia garantisce ai viaggiatori e agli expat servizi di caring alla persona, mettendo a disposizione il Travel Security Operation Center, attivo h24 365 giorni all’anno per ricevere allarmi e segnalazioni, fornire supporto di primo livello ed attivare l’organizzazione delle necessarie procedure.

Per chi fosse interessato alla materia, dal 28 febbraio al 2 marzo presso l’Università Cattolica di Milano partirà un corso intitolato “La Travel Security nel contesto delle nuove minacce” curato da ITSTIME e Sicuritalia. Tre giorni organizzati ciascuno in due moduli, con attestato di partecipazione dell’Università Cattolica e uno stage gratuito offerto da Sicutalia al miglior studente presso la propria unità di Travel Security. Info: corsotravelsecurity.sicuritalia.it

I Video

Consigliati

https://www.anivp.it/

Archivi