Vigilanza Privata: si rompe la trattativa per il rinnovo del CCNL

tavolo-rotto-ccnl-vigilanza-privata-onlineDopo 6 anni senza un aumento, e con salari spesso inferiori ai minimi costituzionali, le associazioni della vigilanza privata dichiarano di non avere più il mandato per poter rinnovare un CCNL scaduto nel 2015. Questo lo scenario in cui operano quasi 100.000 operatori tra Guardie Giurate e Addetti ai Servizi di Sicurezza privata. Di seguito il comunicato Filcams-Fisascat-Uiltucs, che non richiede – purtroppo – ulteriori commenti.

Continua a leggere

Vigilanza Privata e servizi fiduciari al centro di un forum a Montecitorio

Deroghe alla norma europea sull’orario di lavoro, nessun riconoscimento come lavori usuranti, uno status giuridico inadeguato ai rischi e un CCNL scaduto da 7 anni: questo lo scenario in cui si muove la vigilanza privata. Scenario di cui l’On Jessica Costanzo (M5S) si è sorpresa che i ministeri dell’Interno e del Lavoro fossero già a conoscenza. E certo, dopo la pandemia è arrivata la guerra e chissà quale altre priorità pioveranno dal cielo, ma nel frattempo le guardie giurate e gli operatori fiduciari non arrivano a fine mese, con un carovita e un’inflazione che non si vedevano da vent’anni. La soluzione, per l’On. Costanzo, è il salario minimo. Tema sempre in voga in campagna elettorale, ma che scompare regolarmente dall’agenda politica durante le legislature.

Continua a leggere

Rinnovo CCNL Vigilanza Privata e servizi fiduciari: si parla di soldi

Ancora trattative per il rinnovo del CCNL Vigilanza Privata e servizi fiduciari. Finalmente si parla di soldi. Il 1° e 2 marzo le Associazioni datoriali hanno parlato di un “aumento salariale – calcolato sull’attuale 4° livello delle Guardie Particolari Giurate – di € 90,00 distribuite nell’arco di una vigenza di 4 anni e € 100,00 per i Servizi Fiduciari e una disponibilità di “una tantum” di € 350,00 valevole solo per il personale della Vigilanza Privata, che costituisce un’apertura rispetto alle posizioni precedentemente espresse, ma da erogare in welfare” – si legge in un comunicato di Fisascat-CISL.

Continua a leggere

Vigilanza privata: guerra e caro bollette impongono il salario minimo

Mentre infuria una guerra che nessuno avrebbe mai nemmeno lontanamente immaginato e di cui è impossibile ipotizzare gli esiti, la vigilanza privata continua a dibattersi tra problemi che – con sistematicità bipartisan – sono stati ignorati da tutti i governi degli ultimi anni. Il tema del salario minimo, nonostante le campagne che si sono – seppur debolmente –  susseguite, si è nuovamente impantanato per assoluta assenza di riscontro politico. Per riaccendere i riflettori su un tema che a maggior ragione deve essere affrontato, in tempi in cui il caro vita diventa insostenibile, è stata organizzata una conferenza stampa presso la Camera dei Deputati il 3 marzo dalle h 14 alle h 15. Si può seguire la diretta streaming collegandosi al sito della Camera o alla pagina Facebook dell’On. Jessica Costanzo.

Continua a leggere

Sistemi Servizi fiduciari: quando la fiducia è tutto

Spesso accusati di fare dumping dalle stesse realtà di vigilanza privata che li erogano surrettiziamente, contraddistinti da un far west di “imprese” che spuntano come funghi, vendono sottoprezzo e poi scompaiono, “regolati” da 10 diversi CCNL che si fanno concorrenza ai danni dei lavoratori: benvenuti tra i servizi fiduciari. Dove per fornire servizi di qualità bisogna fare lo slalom tra tutti questi e molti altri ostacoli. Dove però chi lavora bene è premiato da un passaparola che salva l’azienda anche in pandemia o con venti di guerra. Ne abbiamo parlato con Andrea Spitilli, Security Manager di Sistemi srl, Associato UNIV 2022.

Continua a leggere