Investigatori privati: possono fare gli steward?

stadio-stewart-investigatore-vigilanza-privata-online

Buongiorno e complimenti sinceri per la quantità di informazioni che dispensate.
Sono titolare d’agenzia investigativa in possesso di licenza ex. art. 134.
Ho chiesto esplicitamente di poter predisporre un servizio di steward e mi è stato risposto dagli organi competenti che non è assolutamente possibile, essendo argomento sviluppabile unicamente da istituto di vigilanza privata.
In alcuni vostri articoli però si parla di steward e vorrei capire, in maniera definitiva, alla luce dei nuovi Decreti Ministeriali che hanno ricondotto le Agenzie di Investigazioni nel comparto della sicurezza complementare, se l’attività in questione può essere  riconosciuta anche agli investigatori privati e se è possibile avere riferimento di questi Decreti.

Buon lavoro e grazie
LS, Trentino Alto Adige

Gentile lettore
risponde Piero Provenzano, Presidente del Centro Studi Legislativi di Federpol…e reca buone notizie.

“La legge n° 41 del 4.04.2007 (c.d. Steward), parla solo delle agenzie di cui all’art. 134, non precisando se si tratta di vigilanza o investigazioni private. Solo una successiva circolare Ministeriale riconduceva tale attività ai soli Istituti di Vigilanza.
Con l’entrata in vigore del DM 269, avendo in esso previsto la macroarea (art. 5 lettera a, aVI, leggi speciali e decreti ministeriali), di fatto si è riconosciuta alle agenzie di investigazioni la possibilità di
operare nel comparto delle sicurezza sussidiaria o complementare (ad eccezione della mera vigilanza). Inizialmente in questa macroarea il Ministero intendeva la sola attività prevista dalla legge n° 94 del 15.07.2009 (c.d. buttafuori), ma a seguito di un confronto, richiesto da Federpol con il Ministero, si è giunti alla conclusione che tra le leggi speciali, citate dal DM 269, rientra anche quella di Steward.
Nell’imminente Circolare Ministeriale, il Ministero darà quindi indicazioni alle Prefetture in tal senso.