Negativo il giudizio di UILTUCS-UIL sulla due giorni di negoziato per il rinnovo del CCNL della vigilanza privata della settimana prima di Pasqua. Due i temi forti in discussione: il sistema di classificazione e il cambio di appalto. Quanto alla classificazione, non pare essere stata pienamente accolta la proposta sindacale di nuovo inquadramento articolato per Aree Professionali (Area Amministrativa/Commerciale/Supporto – Area Vigilanza – Area Sicurezza) e su 7 livelli con relativi profili professionali. Stando al comunicato Uiltucs, le Associazioni datoriali vorrebbero una suddivisione formale più evidente tra i  settori.
Ma – si legge nel comunicato Uiltucs – “è chiaro che, per parte loro, il modello di inquadramento è strumentale al mantenimento dei valori salariali esistenti: ciò è per noi inaccettabile, in particolare per le retribuzioni stabilite nel 2013 per i servizi fiduciari”.

In tema poi di cambio di appalto, siamo all’ennesimo nulla di fatto. Il tavolo si riaggiorna il 15 e 16 maggio a Bologna, auspicando avanzamenti degni di nota.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video