Vigilanza Privata: tra i più esposti al contagio ma i test sierologici sono a pagamento

Le guardie giurate di sesso maschile sono ufficialmente annoverate tra le categorie ad alto rischio di contagio, quanto meno in Gran Bretagna. Lo dice l’ONS, omologo britannico dell’ISTAT. Nel Belpaese, invece, se nella fase 1 reperire mascherine, guanti e altri strumenti protettivi è stata una vera impresa per gran parte degli Istituti di Vigilanza Privata, nella fase 2 la categoria è stata addirittura esclusa da quelle che hanno diritto ai test sierologici gratuiti. Il tutto mentre la cronaca ci parla di guardie prese a calci e testate mentre svolgono il loro mestiere. Alla faccia dell’R0 da tenere ai minimi.

L’ultimo rapporto dell’ONS (Office for National Statistics) datato 11 maggio, rileva che 45,7 decessi su 100.000 causati da (o in costanza di) positività al Coronavirus, in Gran Bretagna si riferiscono ad addetti alla sicurezza o guardie giurate. L’ONS ha evidenziato – e non è una novità – una chiara correlazione tra esposizione al contagio e vicinanza fisica con altre persone: il rischio COVID-19 è dunque più elevato per le professioni che comportano una frequente e stretta interazione con gli altri, anche solo indiretta. Figuriamoci per le categorie esposte anche al rischio di aggressioni fisiche o colluttazioni.

Eppure in Italia alcune regioni hanno escluso gli operatori della vigilanza privata dalla possibilità di sottoporsi gratuitamente ai test sierologici, con apertura di un dibattito che finalmente coinvolge una politica finora silenziosa ai limiti dell’assordante. “Alcuni esponenti politici tornano a rivolgere attenzione al settore ritenendo che i controlli sierologici debbano essere destinati anche agli operatori di questo non proprio infinitesimale comparto. Di contro altri esponenti politici chiedano che le GPG vengano sostituite dagli operatori della Protezione civile, determinando di fatto un apossibile subordinazione delle stesse, per la proprietà transitiva, ai Vigili del Fuoco!” (Luigi Gabriele, Presidente di UNIV e Federsicurezza).

Coronavirus (COVID-19) Related Deaths By Occupation,
Coronavirus (COVID-19) Related Deaths By Occupation,
Coronavirus-COVID-19-related-deaths-by-occupation-England-and-Wales-deaths-registered-up-to-and-including-20-April-2020.pdf
58.5 KiB
14 Downloads
Dettagli