UNI 10891 edizione 2022 (requisiti minimi obbligatori per gli Istituti di Vigilanza Privata)

A parecchi anni dalla prima edizione, ecco la versione 2022 della norma UNI 10891, che definisce i requisiti minimi obbligatori per la gestione degli Istituti di Vigilanza Privata e dei servizi erogati ai fini della valutazione della loro conformità ex UNI CEI EN ISO/IEC 17065 e legislazione vigente. Ce n’era bisogno, in un settore che nemmeno è riuscito a completare il processo di certificazione obbligatoria? “Non potendo eliminare la norma, si è cercato di renderla più utile agli operatori, evitando di creare ulteriori oneri ai loro danni”, dichiara Marco Stratta, Segretario Generale ANIVP e membro del gruppo di lavoro UNI.

La norma è stata rielaborata per adeguarla all’evoluzione del mercato della sicurezza, andando anche a definire le figure apicali e gli operatori chiamati ad erogare i servizi di vigilanza. La norma si pone l’obiettivo di rafforzare l’impiego e il coinvolgimento nella pianificazione dei servizi di figure professionali qualificate come i Security Manager, rafforzando nel complesso l’ottica rivolta alla soddisfazione del cliente.

Trattandosi di norma tecnica, il documento deve essere utilizzato esclusivamente in osservanza alle disposizioni contenute nel DM 269/2010 e s.m.i., DM 115/2014 e s.m.i. e Disciplinare Capo della Polizia del 27 Febbraio 2015, e s.m.i. Per scaricare la norma: http://store.uni.com/catalogo/uni-10891-2022