Premi e produttività in imprese a tassazione agevolata

06 Giu 2016

di Ilaria Garaffoni

E’ stato pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro il Decreto Interministeriale 25 marzo 2016 sulla c.d. detassazione, che disciplina l’erogazione dei premi di risultato e la partecipazione agli utili di impresa con tassazione agevolata, nonché i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione ai quali i contratti aziendali o territoriali legano la corresponsione dei premi e degli utili dell’impresa.

Il decreto applica i contenuti della legge di stabilità 2016, che ha reintrodotto la detassazione dei premi di produttività, prevedendo una tassazione agevolata, con imposta sostitutiva del 10%, per i premi di risultato e per le somme erogate dal datore di lavoro ai lavoratori sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa, entro il limite di 2.000 euro lordi (che sale a 2.500 euro in presenza di contratti integrativi che prevedano strumenti e modalità di coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro) in favore di lavoratori con redditi da lavoro dipendente fino a 50.000 euro.

Il decreto disciplina i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione ai quali i contratti di secondo livello, aziendali o territoriali, legano la corresponsione di premi di risultato di ammontare variabile, nonché i criteri di individuazione delle somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa. Inoltre, il decreto regolamenta le modalità attraverso cui le aziende realizzano il coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro (ad es., tramite la costituzione di gruppi di lavoro in cui operino responsabili aziendali e lavoratori finalizzati al miglioramento o all’innovazione di aree produttive o sistemi di produzione) e l’erogazione tramite voucher di beni, prestazioni e servizi di welfare aziendale (ad es., servizi di educazione e istruzione per i figli, di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti, ecc.).

L’applicazione dell’imposta sostitutiva al 10% è subordinata al deposito, presso la DTL competente, del contratto aziendale o territoriale, da effettuare entro 30 giorni dalla sottoscrizione, unitamente alla dichiarazione di conformità del contratto alle disposizioni del decreto, redatta in conformità allo specifico modello che sarà reso disponibile sul sito del Ministero del Lavoro. Per i premi di risultato relativi al 2015, il deposito del contratto e della dichiarazione di conformità, qualora ancora non effettuato, deve avvenire entro i 30 giorni successivi all’entrata in vigore del decreto, cioè entro il prossimo 15 giugno.
Per fruire della detassazione 2016, il deposito dei contratti aziendali e territoriali di secondo livello dovrà avvenire esclusivamente in modalità telematica.

I Video

https://www.anivp.it/

Archivi