Dopo il commento politico sulla presentazione del Primo Rapporto Censis-FederSicurezza sulla Filiera della Sicurezza in Italia, passiamo ai dati di settore che sono stati rilasciati a Roma lo scorso 27 Giugno. Si tratta di un prospetto di particolare utilità in un segmento che – seppur strettamente normato, censito e controllato dall’autorità tutoria centrale e periferica – tuttora non dispone di numeri affidabili sul proprio mercato. Questo per una molteplicità di motivi: dall’intrico di mansioni (che spesso sforano nel multiservizi e in altre aree dei codici Ateco) alla complessità della macchina amministrativa, i cui numeri periferici non collimano quasi mai con quelli dell’Amministrazione centrale. Misteri della matematica.

Secondo il Rapporto Censis-FederSicurezza, nel 2017 il settore della vigilanza privata in senso stretto contava su 1594 imprese (+2,4% sul 2016 e +11,3% rispetto al 2011), per un totale di 64.443 dipendenti (+3,2 sul 2016 e +16,7% sul 2011) e una media di 40 operatori per azienda.

La crescita del comparto, nonostante il quadro recessivo generale dal quale il settore non è stato esente, si deve all’aumento del personale disarmato, in risposta ad una crescente domanda di servizi di piantonamento e portierato senza pistola. I dati delle imprese che offrono servizi fiduciari non armati sono difficilmente isolabili, ma – per quanto parziali – le indicazioni fornite dal Censis fotografano un trend in crescita: 1424 sarebbero le imprese (erano 215 solo sei anni fa: + 562,3% sul 2011 e + 22,1% sul 2016). Nello stesso lasso di tempo, i dipendenti sono passati dai 3478 del 2011 ai 21.761 del 2017 (+525,7% sul 2011 e + 22,5% sul 2016). Si tratta in genere di aziende di piccole dimensioni, che contano una media di 15,3 addetti per ciascuna realtà.

Il 49,2% delle imprese di vigilanza in senso stretto (784 in valore assoluto) si trova nelle regioni del Sud, dove prevale un modello aziendale di dimensioni piccole e o piccolissime che impiegano un totale di 17.762 addetti (27,6% del totale), con una media di 22,7 addetti per impresa. Nel Centro Nord le dimensioni aziendali crescono notevolmente: nel Nord Ovest, ad esempio, 310 imprese (il 19,4% del totale) vantano una media di 73,4 operatori per ciascuna realtà, impiegando un totale di 22.760 addetti (35,3%). Nel Nord Est, invece, le imprese sono 170, gli operatori 6965 con una media di 41 addetti per azienda. Infine il Centro conta 330 imprese e 16.956 dipendenti (26,3%), con una media di 51,4% addetti.

Poche grandi imprese detengono insomma le quote più significative del mercato: 44 imprese (il 2,8% del totale) contano oltre 250 dipendenti e danno lavoro a 34.302 addetti, il 53,2% del totale, mentre il 56,8% delle aziende (906) conta meno di 10 addetti e il 46,2% meno di 5. Il comparto si conferma dunque polverizzato, anche se recenti operazioni di fusioni e acquisizioni di rilevante entità stanno polarizzando le quote di mercato in maniera sempre più accentuata.

La presentazione del rapporto, moderata dal Direttore del Censis Massimiliano Valerii e dal Presidente di FederSicurezza Luigi Gabriele, ha visto alternarsi al podio personalità di spicco della scena politica, sindacale e mediatica: dal nuovo Sottosegretario al Ministero dell’Interno On. Nicola Molteni a Pietro Farina (Direttore Confcommercio Roma), dal sociologo Maurizio Fiasco al Segretario Nazionale del Siulp Silvano Filippi, dal Segretario Generale Aggiunto Sap Gianni Tonelli al giornalista Luca Telese.

Scarica il Rapporto

RAPPORTO CENSIS-FEDERSICUREZZA 2018
RAPPORTO CENSIS-FEDERSICUREZZA 2018
RAPPORTO-CENSIS-FEDERSICUREZZA-2018.pdf
192.0 KiB
75 Downloads
Dettagli
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss