DiscoDopo la stesura dell’Accordo Quadro nazionale sulla sicurezza nelle discoteche, comincia a prendere forma il codice di condotta degli operatori del settore da declinarsi nei vari territori. Le associazioni che rappresentano i gestori dei locali da ballo, le agenzie di sicurezza sussidiaria e le Istituzioni hanno infatti messo esperienze e competenze a fattor comune per definire un modello di divertimento che veda la sicurezza come punto di partenza ma anche di arrivo. Ed è già iniziato l’iter per la firma degli accordi territoriali nelle Prefetture UTG.L’AISS – Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria sta già lavorando al Protocollo Territoriale con le Prefetture di Lecco e Vercelli e a breve lavorerà ai Protocolli  Territoriali per Firenze e Brindisi.

C’è bisogno di legalità non solo per garantire divertimento sicuro ma anche una sana concorrenza, ha ricordato il Presidente Franco Cecconi: quello messo in campo, ha proseguito, è un “gesto concreto destinato non solo a tutelare la salute dei giovani, ma anche a contrastare i fenomeni legati all’abusivismo che ancora imperversano nel settore del divertimento, come falsi circoli o finte agenzie di sicurezza sussidiaria, che impegnano personale non formato e non in regola con la vigente normativa giuslavoristica”.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video Video Aiss