Ottime notizie per la vigilanza privata, le investigazioni e i servizi fiduciari: il decreto attuativo a doppia firma Ministero del Lavoro/MEF, che ratifica il taglio delle tariffe INAIL, riduce notevolmente il tasso che le imprese dovevano pagare annualmente all’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro. Se finora per le guardie giurate il tasso era del 55 per mille, dal 2019 il tasso scende infatti al 19.33 per mille (- 35,67!). Stessa tariffa per i servizi investigativi, di guardiania e sorveglianza, sinora in media pari al 41 per mille: per queste categorie di lavoro il risparmio è del – 21,67 per mille.

Questo passo, il primo verso la riduzione del cuneo fiscale promessa dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, nel terziario arriverà a tagliare il tasso INAIL anche fino al 50%, con un risparmio annuo per le imprese, calcolato da C0nfcommercio, di oltre 500 milioni di euro. Ma non manca la nota polemica: se ci si possono permettere tagli di tale rilevanza, è evidente che i premi sinora richiesti fossero ingiustificati.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video