orario_di_lavoroIl 31 gennaio scorso il M5S ha depositato in Commissione Lavoro una risoluzione, a firma On. Jessica Costanzo, per impegnare il Governo a dar vita ad un tavolo di confronto sul rinnovo del CCNL della vigilanza privata, con particolare focus sulla disciplina dell‘orario di lavoro della guardie giurate. Tale disciplina, è bene ricordarlo, in deroga alla normativa europea, esula dall’alveo di applicazione del DL 66/2003, rimandando al contratto nazionale di lavoro la regolamentazione dell’orario di lavoro. L’attuale contratto, scaduto da ben 5 anni, prevede 11 ore di riposo giornaliero, riducibili però a 9 per necessità di servizio (peraltro non sanzionabili in caso di inottemperanza da parte dell’azienda). Lo stesso vale per la pausa di 10 minuti ogni sei ore.

La firmataria della risoluzione, portata alla Camera il 13 Febbraio scorso con un’interpellanza, pone l’accento sul rischio di espletare turni notturni, su servizi peraltro sensibili e pericolosi, senza adeguato riposo e richiede il riconoscimento della qualifica di pubblico ufficiale o di agenti ausiliari di PS alle guardie giurate, oltre ad una ridefinizione della paga minima oraria.

Risoluzione M5S Guardie Giurate 12 02 2019
Risoluzione M5S Guardie Giurate 12 02 2019
Risoluzione-M5S-guardie-giurate-12-02-2019.pdf
93.6 KiB
2147 Downloads
Dettagli
Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail
Network
Pagina  Facebook GooglePlus Twitter Linkedin Youtube RSS Mail
I Video
Video
Video