Uiltucs – UIL: ecco perchè non firmiamo questo rinnovo del CCNL vigilanza privata

23 Gen 2013

di Ilaria Garaffoni

dichiarazione_boco_vigilanza_privata_23_gennaio_2013Riceviamo e pubblichiamo la dichiarazione di Bruno Boco, Segretario Generale UILTUCS

Si profila un accordo “bidone” per le oltre 50 mila guardie giurate.

La Fisascat-CISL e la Filcams-CGIL hanno definito con le associazioni datoriali del settore un’ipotesi di rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro della categoria assolutamente inaccettabile per la Uiltucs. Il danno economico è enorme: i lavoratori vedrebbero svalutato il proprio salario di oltre il 30%.

L’ipotesi in questione, infatti, prevedrebbe un aumento di sessanta euro nei tre anni con una prima tranche di venti euro. Basti pensare che l’indennità di vacanza contrattuale sarebbe pari, invece, a 42 euro con decorrenza immediata e coN oltre 1300 euro di arretrati e che, secondo i calcoli dell’Ipca, l’aumento dovrebbe essere

di oltre 120 euro al quarto livello. Per un pugno di euro, la Fisascat smentisce, così, gli accordi sottoscritti a livello confederale dalla CISL e la Filcams fa pateracchi a livello di categoria mentre la CGIL, a livello confederale, non aveva neanche firmato l’accordo sul nuovo sistema contrattuale.
Dal punto di vista normativo, poi, si prospettano altri seri problemi.

La gradualità del passaggio di livello dei nuovi assunti sarebbe tale da superare i 36 mesi: questo allungamento dei tempi produce, nei fatti, una diffusa precarietà e una condizione che non favorisce la stabilizzazione del contratto. In questo modo, la Filcams, mentre si oppone alle assunzioni alla McDonald’s, che pure offrono alcune importanti garanzie per i giovani, in questo caso, invece, contribuisce ad allargare le maglie della precarietà a danno dei contratti stabili.

Infine, ma non ultimo, c’è un’evidente operazione di demansionamento che danneggia la professionalità delle guardie giurate: le mansioni specialistiche e di coordinamento, infatti, verrebbero semplicemente compensate con indennità di funzioni, con conseguenze inaccettabili, a partire da una classificazione contraria a tutte le norme di legge compreso lo Statuto dei lavoratori.

La Uiltucs non firmerà mai un accordo siffatto che, ne siamo certi, sarà bocciato da tutti i lavoratori del settore.

I Video

https://www.anivp.it/

Archivi