Trasporto valori: servono procedure chiare

07 Nov 2010

di Ilaria Garaffoni

(ANSA) – NAPOLI, 6 NOV – ”L’ennesima violenta rapina ad un furgone che stava prelevando i valori dalla banca Unicredit di Casoria (Napoli), lo scorso 26 ottobre, si è conclusa con due lavoratori morti. Due morti che nessuno ricordera”’. Lo sostiene, in una nota, Vincenzo del Vicario, segretario nazionale del Sindacato autonomo vigilanza privata.

”Assente il ministro dell’Interno, assenti i grandi committenti, assenti anche le organizzazioni dei datori di lavoro e tutti i politici che hanno contribuito a fare di questo settore una giungla – aggiunge. Gli unici che continuano ad arricchirsi sono solo i criminali in un contesto nel quale fa più notizia la minigonna di qualche costosissima accompagnatrice del sangue dei vinti. E allora chiediamo procedure chiare per il trasporto valori e dei limiti del trasportato – sottolinea del Vicario – costi notevolmente più alti per tutti i committenti che non assicurino modalità di trasbordo protetto dei valori, limitando il rischio marciapiede, addestramento specifico e mezzi davvero blindati per contenere gli assalti dei malviventi. La professionalizzazione delle guardie deve diventare uno strumento di prevenzione che, con moderne dotazioni, serva a prevenire nel modo più efficace il particolare rischio che il nostro lavoro quotidianamente comporta”. ”Occorre infine, maggiore presenza delle forze di polizia sul territorio, eliminando sprechi che, fino ad oggi, hanno portato solo dispersioni di risorse a favore di poco efficienti micro polizie locali”, conclude.(ANSA). COM-SS 06-NOV-10 11:01 NNN

I Video

https://www.anivp.it/

Archivi