Piuservizi dice no ai 60mila improvvisati civici

Nelle ultime 48 ore il Ministro Boccia, sperando di far cosa gradita ai Comuni, ha pensato bene di proporre la chiamata di 60mila volontari per gestire assembramenti su strade, piazze, spiagge ed ogni altra situazione che potesse essere oggetto di controllo rispetto a quanto previsto per contenere la pandemia Covid19. Immediatamente i due Ministri più direttamente interessati Lamorgese, Interni e Guerini, Difesa, hanno preso le distanze. Piuservizi – Associazione Nazionale Imprese Servizi Integrati che operano nel campo della sicurezza non armata aderente a Federsicurezza/Confcommercio – concorda pienamente con le posizioni dei due Ministri delle Difesa e degli Interni.

Continua a leggere

La sicurezza non si improvvisa: no ai volontari per controllare i distanziamenti

La verifica dei distanziamenti in parchi, spiagge, piazze, movida e trasporti è davvero “il” nuovo mercato per guardie giurate, addetti ai servizi di controllo e operatori fiduciari? Forse no, visto che il Governo aveva annunciato l’arruolamento “volontario” – poi miracolosamente rientrato – di 60.000 percettori di reddito di cittadinanza per occuparsi di social distancing. Togliendo in sostanza lavoro a professionisti, formati e addestrati per svolgere quel mestiere in piena sicurezza, per darlo a chi già percepiva un reddito e non aveva un’idea nemmeno vaga del mestiere.
Ne abbiamo parlato con Luigi Gabriele, Presidente di Federsicurezza-Confcommercio.

Continua a leggere

Guardie civiche al posto di professionisti della sicurezza? No grazie

Ha fatto molto discutere la proposta del Governo di reclutare 60.000 Guardie Civiche tra i percettori del reddito di cittadinanza per affidare servizi di social distancing. Sì, proprio quei servizi che hanno “salvato” il comparto sicurezza privata, ma soprattutto il paese stesso, in un momento di incredibile difficoltà. Per fortuna AISS -Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria – assicura che la proposta è stata abortita. Resta però essenziale mettere in piedi un tavolo di discussione serio con chi realmente conosce il mestiere.

Continua a leggere

Decreto Rilancio: 600 euro anche agli addetti ai servizi di controllo

Il DL 19 maggio 2020 n. 34 ha finalmente inserito tra le categorie ammesse alle indennità per causa Covid-19 anche i lavoratori, fino ad allora esclusi, del settore “intermittente” che abbiano  svolto prestazione  lavorativa per  almeno 30 giornate  nel  periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 gennaio 2020. Per questi lavoratori il Governo ha stanziato un contributo di 600 Euro. Soddisfazione per l’Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria – AISS, FederTerziario ed UGL Sicurezza Civile, che vedono inclusi nel trattamento anche gli addetti ai servizi di controllo secondo la dizione del Decreto Maroni (ex buttafuori, per intenderci).

Continua a leggere

Fare vigilanza privata a Venezia ai tempi del Covid-19

Lavorare in una città come Venezia è un raro privilegio; lavorarci però durante una pandemia ha richiesto un vero atto di fede per sostenere un sistema produttivo purtroppo al collasso.  Gaetano Castellano, titolare di Castellano Vigilanza, realtà che da 95 anni è punto di riferimento per i servizi di vigilanza privata e sicurezza per le aziende del triangolo industriale veneto e associato UNIV, ha affrontato la fase 1 in un mercato completamente fermo e si prepara ad una fase 2 con coraggio, voglia di ripartire e un’offerta che unisce servizi professionali e hi tech.

Continua a leggere