2 maggio 2022: sciopero della vigilanza privata

19 Apr 2022

di Ilaria Garaffoni

Era inevitabile, con un CCNL della vigilanza privata scaduto da 7 anni e trattative che fanno acqua da tutte le parti: il 2 maggio 2022 i sindacati hanno proclamato sciopero nazionale per tutti i turni di lavoro. I motivi? Lo “stato di sofferenza e di profondo disagio dei lavoratori e delle lavoratrici ingenerato dalla conclusione con esito negativo del negoziato avvenuta il 18 marzo 2022” – questo si legge nel comunicato sindacale unitario, che non possiamo che sottoscrivere.

“I trattamenti normativi e retributivi della categoria” – prosegue il comunicato – “non hanno conosciuto alcun miglioramento in oltre 7 anni, determinando rilevante nocumento patrimoniale, oltre alla cronica carenza di tutele adeguate rispetto all’evoluzione del settore; tutto ciò malgrado l’impegno professionale e la dedizione profusi nel corso dell’emergenza sanitaria per garantire la continuità del servizio e per contribuire alla sicurezza pubblica”.

Segnali di apertura nel commento di UNIV, Unione Nazionale Imprese di Vigilanza, nelle parole del Segretario Generale Anna Maria Domenici: “Prendiamo atto della proclamazione di sciopero di parte sindacale, manifestando comunque la piena disponibilità e sensibilità di UNIV a raccogliere qualsiasi segnale di stimolo alla riapertura di un dialogo che crediamo meriti di riprendere rapidamente. Auspichiamo una rapida ripresa delle trattative ed una composizione delle diverse rivendicazioni“.

Clicca qui per scaricare la Lettera unitaria alle parti datoriali 19.04.2022

I Video

https://www.anivp.it/

Archivi